Tel/Fax: +39 055.828315 info@motusport.it / Facebook
Triathlon mute, abbigliamento Triathlon muta, Allenamento Triathlon Bici, Triatleta - Triathlon, Mute Triathlon, Bici Triathlon, Abbigliamento Triathlon, Scarpe Triathlon, Accessori Triathlon 2xu, Zoot, x bionic
0
Passione Sportiva

Brand

Categorie

Novità sul Triathlon, Bici, Corsa e Nuoto

LA VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA TRAMITE PLICOMETRIA

1.   La composizione corporea – aspetti generali.

 

Nella moderna concezione dell’allenamento sportivo la valutazione ed il controllo del peso corporeo dell’atleta, rivestono un’importanza significativa, pari a quella relativa alle impostazioni metodologiche.

Il controllo e la regolazione del peso corporeo hanno infatti un ruolo di rilievo ai fini del raggiungimento di una performance ottimale.

Il problema riguarda atleti di svariate discipline, sia quelle di endurance, dove l’atleta magro è avvantaggiato sia in termini di economicità che di capacità di termoregolazione, che quelle dove esistono categorie di peso (sollevamento pesi, pugilato, lotta, ecc..). dove il rapporto peso potenza influisce in modo critico sulla  prestazione.

Va precisato che il criterio della distinzione in categorie ponderali, basandosi sul peso puro e semplice, non considera le differenze fra massa magra e massa grassa e per questo non risulta molto preciso, ma è sufficiente per mettere in competizione atleti con caratteristiche fisiche non troppo dissimili.

Il problema del controllo del peso, per contro, non riguarda chi gareggia nelle massime categorie e gli atleti di specialità in cui assume importanza la forza assoluta (es. lanci in atletica leggera) più di quella relativa.

L’espressione ed il controllo della composizione corporea di un atleta sono funzioni dipendenti da fattori genetici, dall’alimentazione e dall’allenamento.

Sebbene le tabelle peso-altezza siano largamente usate per definire il grado di sovrappeso basato sull’età e sulla struttura fisica, esse non sono in grado di fornire indicazioni sulla composizione qualitativa del peso corporeo. Infatti, sono spesso tabelle adatte ad indagini epidemiologiche su popolazioni ampie conseguentemente la loro applicazione ad atleti è inaffidabile.

Può, ad esempio, verificarsi che un soggetto abbia un peso superiore a quello suggerito dalle tabelle, ma che la sua quota di grasso sia molto bassa; il peso in eccesso sarà rappresentato da massa muscolare. Differentemente con la misurazione della percentuale di massa grassa, i parametri che fanno riferimento all’altezza ed alla corporatura perdono di significato; in sostanza una persona è grassa se supera certi valori percentuali indipendentemente dalla sua struttura fisica.

Più che il peso quindi deve interessare la composizione corporea

Nell’atleta il problema del dimagrimento è spesso più complesso che nel sedentario poiché qualsiasi trattamento volto ad intaccare i depositi lipidici deve preservare inalterati i livelli di forza e quindi di tessuto muscolare del soggetto.

L’obiettivo è di dimagrire mantenendo i livelli di forza ed efficienza.

Solo attraverso questa strada si ottiene il raggiungimento del peso forma

E’ stato, infatti, verificato che riduzioni cospicue del peso corporeo determinano una diminuzione non soltanto del tessuto adiposo ma anche di quello magro; al contrario occorre preservare - migliorare la componente muscolare, pena il decremento dei livelli di forza, resistenza ed efficienza muscolare in genere dell’atleta.

La chiave, dunque, è perdere grasso e non massa magra e la conoscenza della percentuale di grasso corporeo ci consente di dare un giudizio più obiettivo dello stato di forma e del peso corporeo ideale dell’atleta.

A questo proposito è bene chiarire che dimagrimento e calo ponderale NON sono sinonimi.

Per dimagrimento s’intende la riduzione del tessuto adiposo, accompagnata normalmente, ma non necessariamente, da una diminuzione del peso.

Per calo di peso s’intende solamente lo spostamento verso sinistra dell’ago della bilancia, non sempre o non solo dovuto alla perdita di tessuto adiposo, ma probabilmente anche alla perdita d’acqua e proteine muscolari.

 

Le componenti del corpo su cui si può principalmente agire per ottenere un calo ponderale sono:

- il glicogeno epatico e muscolare con l’acqua ad esso legata

- le frazioni idriche dell’organismo

- il contenuto intestinale

- il grasso corporeo

- i muscoli

Naturalmente agire su di una di queste componenti piuttosto che su un’altra non è la stessa cosa; le variazioni, ad esempio, legate alle frazioni idriche o al contenuto di glicogeno possono essere tollerate solo per alcune ore. La riduzione del grasso corporeo, invece, può avere effetti duraturi, senza danni di alcun tipo per la salute dell’organismo.

 

Il concetto di composizione corporea si lega a quello di forza assoluta e relativa.

Per forza assoluta s’intende la forza massima che un atleta riesce ad esplicare in un certo movimento, indipendentemente dal suo peso corporeo.

La forza relativa è la forza sviluppabile in rapporto al peso corporeo; il valore si ottiene semplicemente dividendo la forza assoluta per la massa corporea e corrisponde alla forza per ogni kg di massa corporea (forza relativa = forza assoluta / peso corporeo)

Ipotizziamo che due ciclisti abbiano lo stesso valore in watt alla soglia anaerobica (4 Mm di lattato) ad es. 300 watt, ma il primo sia 70 kg ed il secondo 80 kg.

Solo in teoria hanno la stessa potenza alla soglia, infatti, il primo sviluppa un rapporto peso potenza di 4,28 watt, mentre il secondo si ferma solamente a 3,75 watt per chilo di peso corporeo; la differenza numerica è sostanziale (0,53 watt) e si traduce in differenza di rendimento soprattutto in salita.

 

 

 

 

 

2. L’esame plicometrico

 

La metodica antropoplicometrica è il metodo più diffuso di valutazione della composizione corporea; è semplice, non invasiva, di poco costo, di rapida esecuzione ed utilizzabile come riferimento per analizzare le modificazioni della massa muscolare in corso di attività fisica o dopo specifici programmi di allenamento.
Il principio su cui si basa è che l’aumento del grasso corporeo totale determina anche un parallelo aumento del grasso sottocutaneo.

Essa si basa sulla misurazione dello spessore della pelle tramite una pinza calibrata, detta plicometro.

La metodica plicometrica offre un vantaggio specifico poiché garantisce la possibilità di ottenere delle informazioni sulle diversità distrettuali di composizione corporea, in particolare della distribuzione di tessuto adiposo.
La plicometria cutanea è una metodica densitometrica in quanto arriva alla determinazione di una densità corporea partendo dalla misurazione dello spessore del tessuto adiposo sottocutaneo.
Si assume che vi sia uno stretto rapporto tra gli spessori delle pliche e la percentuale di grasso totale corporea.
La misurazione delle pliche ci consente di risalire alla densità corporea e da questa al compartimento di massa grassa, per differenza dal peso si otterrà poi la massa magra.
Numerosi studi hanno dimostrato che esiste un grado di correlazione tra il grasso sottocutaneo e quello totale, questo è in funzione dell'età e varia a seconda della popolazione considerata, inoltre la plicometria consente di definire la topografia del grasso sottocutaneo

Il metodo della plicometria non fornisce valori rigorosamente esatti, dipendendo sia dall’efficacia tecnica del plicometro sia dall’esperienza dell’operatore nella rilevazione.

Le informazioni che si ottengono vanno dunque utilizzate con elasticità, ma sono comunque molto attendibili, ripetibili ed indicative.

Attraverso la rilevazione di pliche cutanee, circonferenze e calibri ossei è possibile risalire alle misurazioni sia in kg sia in termini percentuali di:

  • grasso,
  • massa magra,
  • muscolo,
  • osso

e stabilire la tipologia di struttura ossea dell’individuo (longitipo, normotipo, brevitipo)

 

 

2.1 Il plicometro

La plicometria, come detto, misura lo spessore delle pliche cutanee.

Il termine plica indica lo spessore di una piega della cute e del tessuto adiposo sottocutaneo relativo in un punto specifico del corpo.
La misura viene effettuata con un calibro, le cui estremità vengono applicate alla cute in modo che lo spessore di questa sia misurato su una linea

perpendicolare all'asse longitudinale della plica.

Tale strumento, denominato plicometro, può essere paragonato al calibro di un meccanico in quanto è costituito essenzialmente da una pinza e da una scala graduata che misura la distanza tra le punte.

Il plicometro dovrebbe esercitare una pressione costante tra le pliche di 10g/mm ² (se la pressione è diversa  la non ottimale compressione della plica causerà errori in fase di rilevazione).

E' pertanto opportuno  controllare periodicamente il calibro attenendosi alle indicazioni del costruttore (pressione, distanza dalle punte).

Ne esistono di vari tipi che vanno da quelli più economici in plastica, non adatti a rilevazioni scientifiche, a quelli più professionali in metallo. Questi ultimi sono i più usati in ambito antropometrico e sono essenzialmente tre:  

- Lange USA, 65mm;

- Harpenden GB 55 mm,

- Holtain 50 mm (i mm rappresentano la misura della massima apertura delle pinze).  

2.2 Tecnica di rilevazione

La corretta tecnica di rilevazione è fondamentale per non introdurre errori di misura.

E' importante standardizzare i criteri di selezione e localizzazione dei siti di misurazione, in quanto anche loro piccole variazioni possono compromettere grandemente la misurazione.
La standardizzazione dei siti di misurazione dovrebbe sempre riferirsi a punti di repere ben chiari.
Quando si vogliono eseguire delle misurazioni sullo stesso soggetto nel tempo, il calibro deve essere sempre lo stesso e così anche l'operatore, questo per evitare errori oggettivi o soggettivi.
La plica viene sollevata con il pollice e l'indice (attenzione a sollevare solo cute e sottocute) su una linea perpendicolare all'asse longitudinale del sito, quindi le estremità del calibro eserciteranno una pressione sulla plica rilevandone la misura

Occorre dunque rispettare le seguenti linee guida:

  1. Effettuare le misurazioni sul lato sinistro del corpo per convenzione (senza tener conto del lato di preferenza del soggetto, a meno che il sx non sia impossibilitato o si voglia rilevarli entrambi o solo il dx per problemi di riabilitazione).
  2. Individuare il sito e marcare con lapis dermografico
  3. Tenere il calibro con la mano dx e afferrare tra pollice e indice della mano sx una plica cercando di scollare il tessuto muscolare sottostante.
  4. Le dita devono distare 8 cm, su una linea perpendicolare all’asse longitudinale del pannicolo.
  5. Esercitare con la mano dx una pressione per separare le branche del calibro, applicare il calibro alla base tenendolo a 90°.
  6. Tenere sempre la plica fra le dita e rilasciare la pressione del calibro lentamente.
  7. Effettuare la lettura dopo 2 secondi.
  8. Aprire il calibro, rimuoverlo e chiuderlo lentamente.
  9. Ripetere la misura 2 volte (con almeno 2 minuti di intervallo per permettere alla plica di tornare nella forma non compressa) e poi fare la media. Se le due misurazioni variano tra loro più del 10% occorre eseguirne una terza.

Essendo la cute elastica la misura deve essere letta entro circa 4 secondi dopo che si è rilasciato il calibro, se intercorre più tempo la misura letta sarà più piccola di quella reale perché i liquidi saranno forzati ad uscire dai tessuti.
Con i calibri tradizionali, la misura deve essere rilevata alcune volte (in genere tre) ed il valore medio assunto come quello reale.

 

La misura dei pannicoli adiposi (pliche) può essere effettuata in diverse sedi, le più utilizzate sono:  

 

Pettorale

Il sito di misurazione è rappresentato dal punto mediano di una linea immaginaria che collega il capezzolo con l'angolo ascellare anteriore,soggetto in posizione eretta e braccia rilassate ai lati del corpo. La plica viene presa in direzione diagonale tra l'ascella ed il capezzolo

 

Sottoscapolare

il sito di misurazione è situato appena sotto l'angolo inferiore della scapola, con il soggetto in posizione eretta e le braccia rilassate ai lati del corpo. La plica viene rilevata in diagonale

 

Soprailiaca

Il sito di misurazione è sulla linea medio-ascellare appena sopra la cresta iliaca, con il soggetto in posizione eretta e le braccia che pendono ai lati del corpo. La plica viene presa in obliquo, appena sopra la cresta iliaca

 

Addominale

Il sito di misurazione è localizzato tre cm lateralmente all'ombelico ed un cm inferiormente ad esso con il soggetto che respira normalmente ed ha la muscolatura addominale rilassata. La plica viene presa in verticale (od orizzontale a seconda degli autori), tre cm lateralmente all'ombelico

 

Tricipite

Il sito di misurazione si trova sulla superficie posteriore del braccio, sopra il muscolo tricipite, in corrispondenza del punto medio di una linea tracciata tra il processo acromiale della scapola ed il margine inferiore del processo olecranico dell'ulna.
La plica tricipitale è la plica più comunemente misurata, è strettamente correlata con il grasso corporeo percentuale e totale. La plica viene presa in verticale, a metà del braccio misurato flesso

 

Bicipite

Il sito di misurazione si trova sulla superficie anteriore del braccio a livello della protuberanza del muscolo bicipite. La plica viene presa in verticale, a metà del braccio misurato disteso

 

Coscia

Il sito di misurazione si trova sulla linea mediana anteriore della coscia, in corrispondenza del punto medio di una linea tracciata tra la piega inguinale ed il margine prossimale della rotula, al fine di facilitare la localizzazione della piega inguinale, si chiede al soggetto in posizione eretta di flettere la coscia.
La plica viene presa in verticale, al centro della distanza tra la piega inguinale e la rotula

 

Polpaccio

Il soggetto siede con la coscia flessa sulla gamba di 90° e la pianta del piede sul pavimento, il sito di misurazione si trova a livello del margine mediale del polpaccio nel punto dove c'è la massima circonferenza della gamba. La plica viene presa in verticale, nel punto di maggior sviluppo della parte e nella sua porzione mediale

 

 

La misura delle circonferenze corporee: punti di repere

 

circonferenza del torace
viene misurata a livello della quarta articolazione sterno-costale, con il soggetto in piedi, alla fine di una normale espirazione. Il punto di riferimento anatomico sulla superficie anteriore del torace più frequentemente menzionato è il capezzolo, che corrisponde circa al quarto spazio intercostale

- circonferenza della vita
Il soggetto in posizione eretta, con l'addome rilassato nel punto più stretto dell'addome, la misura viene effettuata alla fine di un'espirazione normale. E' una misura indicativa del tessuto adiposo profondo ed è correlata con il valore di massa magra e con l'indice di massa corporeo (BMI)

- circonferenza addominale
Il sito di misurazione corrisponde a livello ombelicale, in corrispondenza della maggiore estensione anteriore dell'addome, la misura viene effettuata alla fine di una normale espirazione.
E' un indice antropometrico del tessuto adiposo sottocutaneo e profondo

- circonferenza dei glutei o dei fianchi
E' la circonferenza massima dei glutei, misura la dimensione esterna dalla pelvi che è correlata con la quantità distrettuale di tessuto adiposo de distretto inferiore del corpo.

 

 

2.3 Possibili errori

 

Gli errori che si possono commettere in sede di rilevazione sono moltissimi ed è  importante conoscerli  in modo da ridurli il più possibile.  

 

1) Abilità operatore  

La localizzazione errata delle pliche causa errori nella misura:

a) Errore intra-osservatore:

- errore associato allo stesso rilevatore su misure ripetute sullo stesso soggetto. Varia con il sito ed è maggiore per addome (8,8%) e coscia (7,1%) perché in questi siti la quantità di tessuto adiposo sottocutaneo è maggiore.

- quantità di grasso del soggetto: più un soggetto è grasso e più la rilevazione diventa difficile; infatti negli individui obesi e in quelli molto muscolosi il tessuto adiposo sottocutaneo non si separa facilmente dal muscolo sottostante.

Inoltre negli obesi lo spessore delle pliche eccede la massima apertura del calibro.

L'unica alternativa è quella di prendere siti dove il tessuto adiposo sottocutaneo è minimo (bicipite).

b) Errore inter-osservatore:

errore associato a rilevatori diversi L'oggettività delle misure migliora quando i rilevatori seguono procedure standardizzate, si esercitano assieme e marcano i siti.  

 

2) Tipo di calibro

Controllare:

- accuratezza

- precisione

- range di misura

- pressione

- usare lo stesso calibro per misure ripetute sullo stesso soggetto

 

3) Fattori legati al soggetto  

- spessore della cute (0.5-2 mm)

- comprimibilità del tessuto adiposo

- livello di idratazione

- non effettuare la misura dopo allenamento, sauna, bagno turco, nuoto o doccia poiché l’ esercizio fisico, acqua calda e calore producono iperemia (aumento flusso ematico) nella pelle con conseguente aumento dello spessore cutaneo.  

 

4) Equazioni di predizione usateesistono due classi di equazioni:

- equazioni popolazione specifiche, derivate da un campione limitato e omogeneo ed applicabili esclusivamente ad una determinata popolazione (ad esempio nella valutazione della composizione corporea dei ciclisti).

- equazioni generalizzate, derivate da ampi campioni eterogenei che variano in età e adiposità  (es. valutazione composizione corporea degli Italiani)

 

 

 

3. L’esame plicometrico nel dettaglio

 

Vediamo di entrare nel merito, esaminando nel dettaglio un esame plicometrico

E’ necessario, come prima operazione, registrare una serie di dati che possiamo suddividere in quattro ambiti:

Ÿ  dati generali: altezza, peso, f.c. a riposo, tipo di attività lavorativa

Ÿ  dati inerenti le pliche cutanee: plica tricipitale, scapolare, toracica, ombelicale, soprailiaca e quadricipitale

Ÿ  dati inerenti le circonferenze muscolari: rilevazioni a carico di braccio, vita, coscia radiale (a livello dell’inguine) e mediale

Ÿ  dati inerenti i calibri ossei: rilevazioni dello spessore delle ossa di polso, gomito, ginocchio e caviglia.

I dati così raccolti vengono immessi in un programma computerizzato (Wincomp, Infrafit) che li elabora secondo apposite formule.

 

La classificazione della struttura ossea può essere brevilinea, normolinea e longilinea; appartenere ad una di queste tre classi non dipende esclusivamente dalla statura dell’atleta, ma dal rapporto tra la statura e l’entità dei suoi calibri ossei; un atleta di 178-180 cm può risultare normolineo e non longilineo proprio a causa di un tessuto osseo totale di elevato valore.

Dalla misurazione dei calibri ossei, che naturalmente potrà essere omessa nelle successive misurazioni sullo stesso atleta, derivano i kg di tessuto osseo ed il loro valore percentuale sul peso totale.

 

La massa grassa viene espressa in valore totale in kg e valore in percentuale

Costituisce il fulcro dell’esame plicometrico.

La massa grassa dell’atleta viene espressa in kg e nel suo valore percentuale corrispondente.

Una maschera grafica del software permette di apprezzare i punti dove l’accumulo è maggiore o minore nei casi in cui vi sia un accumulo disomogeneo; queste zone riflettono in forma orientativa l’attività sportiva praticata o, in alcuni casi, il tipo di professione.

Nell’esaminare il valore assoluto in kg non bisogna credere che esso si possa abbattere in toto; infatti nel nostro organismo il tessuto adiposo si suddivide in:

Ÿ  essenziale o strutturale = è parte inscindibile degli organi, necessario alle funzioni fisiologiche

dell’organismo; si trova nel midollo osseo, cuore, polmoni, fegato, milza, reni, intestino, nel sistema nervoso centrale

La quantità di grasso essenziale è maggiore di quattro volte nella donna rispetto all’uomo

Alcuni autori parlano anche di essenziale e viscerale

Ÿ  di deposito = è quello che si trova nel tessuto sottocutaneo e profondo

 

Naturalmente l’obiettivo dello sportivo è di abbassare la quota relativa al grasso di deposito

Le possibilità e le capacità di un atleta di abbassare la sua percentuale di grasso corporeo dipendono da svariati fattori: genetici, alimentari, chimici, relativi al tipo di sport ed al tipo d’allenamento.

 

Mediamente le percentuali di grasso si possono così riassumere, sottointendendo che, come detto, le differenze interindividuali, possono essere notevoli.

 

 

Sedentari

Fitness

Sportivi Amatoriali

Sportivo prof.

Uomini

16-20%

11-15%

8-10%

4-7%

Donne

24-26%

17-22%

15-17%

11-13%

 

A corollario di questi dati non va dimenticata la regola fondamentale, e cioè che il dimagrimento deve essere funzionale al raggiungimento di una maggiore competitività, per cui non ha senso intestardirsi nel raggiungere determinati valori di percentuale di grasso se ci si accorge che non sono compatibili con un parallelo incremento delle proprie capacità di esercizio.

 

La massa magra è costituita dai kg di peso totale – kg massa grassa

Il 50% circa della massa magra è costituito da tessuto muscolare

All’interno della massa magra, sono importanti i valori di:

Ÿ  Kg totali di muscolo

Ÿ  Percentuale di muscolo su massa magra

Entrambi i valori sono di primaria importanza per controllare che un calo di peso registrato sia effettivo dimagrimento (= calo dei kg di grasso) e non si accompagnato da perdita di massa muscolare.

C’è la possibilità di conoscere come i kg di muscolo sono distribuiti tra distretto superiore (arti superiori e tronco) e distretto inferiore (glutei e arti inferiori); una caratteristica, ad esempio dei ciclisti, è di avere uno scarto sempre superiore a 11-12 kg a favore del distretto inferiore, cosa che non capita a sportivi più “completi” (es. canottieri, nuotatori, triatleti).

In effetti nel ciclista questa differenza va ricercata, in quanto avere tessuto muscolare in surplus nel distretto superiore significherebbe solo zavorra inutile.

 

 

4. Lo studio statistico

Sono stati presi in considerazione due gruppi di atleti, uno costituito da ciclisti (23 soggetti) e l’altro da triatleti (22 soggetti).

Il livello medio di qualificazione di entrambi i gruppi era di medio – buon livello.

Il gruppo dei ciclisti è prevalentemente composto da atleti amatoriali dediti alle gare di medio fondo e gran fondo con la presenza, tuttavia, anche di tre ciclisti professionisti.

Il livello di qualificazione del gruppo di triatleti è più elevato, vantando la presenza di diversi nazionali, oltre ad atleti age group.

Di seguito sono riportati i risultati ottenuti sui due gruppi

 

 

 

 

 

 

 

 

muscolo su

 

altezza

kg

T.osseo tot

grasso tot. kg.

Grasso %

muscolo kg

massa magra %

1

167

61

9,85

5,34

8,76

28,5

51,2

2

184

80

13,3

4,7

5,88

43,81

58,18

3

186

72,5

12,65

3,91

5,39

36,78

53,62

4

176

69,9

11,28

6,23

8,9

35,89

56,37

5

163,5

63,8

10,12

5,56

8,72

31,55

54,19

6

172

62,8

9,93

4,09

6,51

31,01

52,81

7

181

74,7

12,23

8,73

11,69

32,43

49,16

8

175

71,8

10,69

4,48

6,23

35,74

53,08

9

182

67,4

11,12

2,89

4,29

35,15

54,48

10

174

68

12,39

6,46

9,51

30,41

49,42

11

179

72,4

11,18

6,17

8,52

36,56

55,16

12

183,7

77

12,83

5,12

6,65

37,29

51,85

13

172

63,2

10,36

5,93

9,39

30,14

52,63

14

179

69,2

11,62

4,71

6,81

36,1

55,99

15

169

69

10,83

4,15

6,01

35,16

54,21

16

179

74

12,34

6,49

8,77

38,37

56,84

17

177

70,3

10,96

6,37

9,06

36,52

57,13

18

173

59,8

10,42

3,05

5,09

30,82

54,3

19

180

77,5

13,06

6,9

8,9

37,51

53,12

20

176

77,7

11,43

10,42

13,41

32,88

48,87

21

180

71,6

11,77

6,27

8,73

36,51

55,84

22

184

80

13,35

7,26

9,08

43,99

60,48

Media

177

70,6

11,53

5,69

8

35,14

54

Tabella 1: Riepilogo numerico dei valori rilevati sui triatleti esaminati

 

 

 

 

 

 

 

muscolo su

 

altezza

kg

T.osseo tot

grasso tot.kg.

grasso%

muscolo kg

massa magra %

1

185

93

13,59

9,81

10,54

44,35

53,31

2

160

62

8,09

6,84

11,03

28,85

52,32

3

165

59,2

9,19

4,94

8,34

28,09

51,77

4

185

88,6

12,83

9,43

10,72

40,27

50,84

5

168

57,5

9,7

3,22

5,59

28,37

52,22

6

175

73,5

10,18

7,12

9,68

35,03

52,77

7

180

76

14,42

7,63

10,04

35,78

52,33

8

173

71,7

11,77

7,98

11,12

36,79

57,7

9

170

69,3

11,64

5,53

7,98

33,8

53,01

10

183

67,4

12,37

3,12

4,55

32,38

50,31

11

172

70

11,09

10,97

15,67

30,82

52,21

12

174

74,4

11,53

9,31

12,49

36,83

56,59

13

180

66

10,92

3,01

4,56

34,58

54,89

14

170

69,1

10,82

7,04

10,17

33,84

54,53

15

183

73

11,88

7,08

9,69

38,01

57,65

16

175

65

9,82

4,51

6,94

29,58

48,91

17

174

65,9

10,12

6,5

9,87

32,69

55,04

18

180

72,8

11,61

6,01

8,26

35,76

53,54

19

172

63

9,65

4,27

6,78

34,07

58,01

20

180

74

10,77

9,3

12,56

33,78

52,21

21

182

79,4

13,37

7,87

9,93

38,93

54,45

22

180

82,5

11,93

9,9

11,97

37,29

51,37

23

178

68,5

11,25

5,72

8,34

35,49

56,53

Media

175,8

71,3

11,24

6,83

9,42

34,58

53,58

 

Tabella 2: Riepilogo numerico dei valori rilevati sui ciclisti esaminati

 

Conclusioni

L'utilizzo della plicometria per determinare la percentuale di grasso corporeo è una tecnica semplice ed economica 
Tale metodica si basa sul presupposto (non sempre vero) che lo spessore del tessuto adiposo sottocutaneo sia proporzionale al grasso corporeo totale e che le posizioni scelte siano rappresentative dello spessore medio del tessuto adiposo sottocutaneo.

Esistono diversi tipi di equazioni predittive (quadratiche o logaritmiche) che dovrebbero essere utilizzate sullo stesso tipo di soggetti (sedentari, atleti di potenza o resistenza ecc.) da cui sono state ricavate. 
Utilizzata da un operatore esperto la plicometria risulta tuttavia valida, soprattutto per seguire nel tempo le variazioni del rapporto massa grassa/massa magra nell'atleta.

 

BIBLIOGRAFIA

 

1.  Bargossi A – Neri M.  – Alimentazione e ciclismo, Elika edizioni.

2.  Bertucelli C. – Dati personali

3.  Dal Monte A, Faina M. - Valutazione dell’atleta.

4   Fox, BowersNutrizione, esercizio e controllo del peso. Pensiero Scientifico editore, 1995

5   SomenziniDieta giusta e bicicletta. Compagnia editoriale, 1986                                     

6   Siani V. -  Sport energia alimenti, Zanichelli

7   Zorzetto G. – La corretta alimentazione del ciclista, Elika edizioni.

(by Costantino Bertucelli from trainingteam.it)

VIDEO : TEST SCARPA TRAIL RUNNING DYNAFIT FELINE SUPERLIGHT

DYNAFIT FELINE vs. THE NORTH FACE HAYASA

Un video a cura della rivista SKI ALPER mette a confronto due scarpe off-road : la Dynafit Feline Superlight e la North Face Hayasa
Oltre ad una illustrazione delle caratteristiche tecniche delle scarpe, è stata condotta anche una prova sul campo.
Ascoltate e guardate il commento tecnico del tester (Andrea Basolo), molto molto favorevole al modello Feline di Dynafit : precisione, stabilità, tenuta su terreni bagnati, ottimo comportamento sui traversi e sulle superfici difficili.
 
 
 
 
 

TRIATLETA E PODISTA : COME PROGRAMMARE UNA PREPARAZIONE DI SUCCESSO

altQuesto periodo di Novembre /Dicembre diventa per i Triatleti e per i Runners un periodo di chiusura stagione agonistica con gli ultimi appuntamenti in programma in queste settimane, per tale motivo si associa questo periodo a una riorganizzazione della preparazione ed obiettivi per il nuovo anno. Di certo una buona programmazione inizia già dal valutare in maniera dettagliata quello che di buono o di meno buono è stato svolto in quest’anno agonistico, quindi analizzare i punti di forza della preparazione appena terminata , e i punti deboli da dover migliorare per poter raggiungere obiettivi ambiziosi. Il raggiungimento di questi obiettivi inizia già dalla stesura di una buona e mirata pianificazione dell’allenamento non tralasciando nulla al caso.

PIANIFICAZIONE PREPARAZIONE

La pianificazione dell’allenamento deve rispecchiare le caratteristiche dei singoli sport presi in esame, Triathlon e Running, quindi prendere come riferimento i diversi periodi di preparazione atletica, facendo in modo di raggiungere la miglior condizione fisica possibile nel periodo agonistico quando si prenderà parte alle gare importanti. La programmazione dell’allenamento si può suddividere in diversi periodi , come spesso abbiamo menzionato, e riguardano :

  • Periodo Generale
  • Periodo Specifico
  • Periodo Agonistico
  • Periodo di Transizione
  • Riattivazione di tutte le qualità trascurate nel periodo di transizione
  • Miglioramento della Resistenza Aerobica Generale
  • Miglioramento della Forza Muscolare Generale
  • Miglioramento dell’Elasticità Muscolare
  • Miglioramento della Tecnica nelle diverse discipline
  • CrossFit
  • Functional Training (Allenamento Funzionale )
  • Potenziamento con sovraccarichi
  • Spinning
  • Rowing
  • Yoga
  • Pylates

PERIODO GENERALE

 

alt

 

Nel Periodo Generale è fondamentale programmare sedute di allenamento che rispecchino il concetto di “generale”, quindi vanno bene sedute di allenamento che riguardano la disciplina specifica, ma anche attività e sedute di allenamenti complementari al Triathlon e al Running. Questo periodo può durare dalle 8 alle 12 settimane, dipende dalla propria condizione fisica iniziale, dagli obiettivi da raggiungere e dal tempo a disposizione per allenarsi. Come detto questo periodo ha delle caratteristiche che si rispecchiamo sia per il Triatleta e sia per il Runners, in quanto gli obiettivi generali (ma comunque specifici per la singola disciplina) riguardano :

OBIETTIVI PERIODO GENERALE

 

In questo Periodo Generale lontano dalle gare è fondamentale prendersela con calma, nel senso che non c’è bisogno di allenarsi troppo intensamente e con carichi specifici, ma si necessita di ritrovare eventualmente la forma fisica scaduta dopo il periodo di transizione che ogni atleta mette in atto dopo aver raggiunto gli obiettivi agonistici della stagione. Quindi importante è riattivare con calma tutte le qualità che sono abbandonate, tralasciate o ridimensionate nel periodo di transizione. Le esercitazioni e le attività da svolgere possono riguardare , non sono le sedute specifiche per lo sport praticato, quindi per il Runners la Corsa e per il Triatleta , il nuoto, ciclismo, corsa, ma anche attività generali che possono consistere nelle seguenti proposte :

ATTIVITA’ COMPLEMENTARI PERIODO GENERALE

 

 

Le attività sopra esposte possono essere programmate ed eseguite tranquillamente nei giorni di riposo per coloro che svolgono solo attività di corsa, oppure in combinazione con le altre attività specifiche per il triatleta che di norma ha meno giorni di riposo o a volte si allena tutti i giorni per combinare le diverse discipline. Le attività possono essere proposte in maniera alternata di settimana in settimana, modificando sempre la programmazione settimanale, in modo tale da trasmettere degli stimoli allenanti importanti , e avere maggiori motivazioni.

Per quanto concerne invece le discipline specifiche per il Triatleta (Nuoto, Ciclismo, Corsa ), per il Runners (corsa ) , devono essere sempre programmate con l’obiettivo di migliorare la Resistenza Aerobica Generale, la Forza Muscolare Generale e Specifica, la Tecnica.

Un esempio di programmazione del Periodo Generale , sia per il Triatleta e sia per il Runners, può essere quello sotto menzionato, il quale deve essere preso come esempio generale da adattare alla propria condizione fisica e alla propria programmazione ideale, sia come frequenza allenamenti e sia come intensità!

PROGRAMMAZIONE SETTIMANE PERIODO GENERALE  - TRIATLETA

Sett

 

Lun

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Dom

 

1

Nuoto

CrossFit

Corsa

Nuoto

Bike

Corsa

Nuoto

Pylates

Bike

Corsa

 

2

Nuoto

Potenz

Corsa

Nuoto

Spinning

Corsa

Yoga

Nuoto

Rowing

Bike

Corsa

 

3

Nuoto

FuncTional

Training

Corsa

Pylates 

Nuoto

Bike

Corsa

Nuoto

Pylates

Bike

Corsa

 

4scarico

Nuoto

Corsa

Yoga

Nuoto

Corsa

Nuoto

Pylates

Bike

Corsa

PROGRAMMAZIONE SETTIMANE PERIODO GENERALE  - RUNNERS

Sett

 

Lun

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Dom

 

1

CrossFit

Corsa

Yoga

Nuoto

Rowing

Corsa

Nuoto

Pylates

Riposo

Corsa

 

2

Potenz

Corsa

Pylates

Nuoto

Spinning

Corsa

Yoga

Nuoto

Rowing

Riposo

Corsa

 

3

FuncTional

Training

Corsa

Yoga

Nuoto

Rowing

Corsa

Nuoto

Pylates

Riposo

Corsa

 

4scarico

Nuoto

Corsa

Pylates

Nuoto

Corsa

Nuoto

Pylates

Riposo

Corsa

PERIOGO SPECIFICO

Il periodo specifico può avere una durata da 8-12 mesi , dipenderà dalla nostra condizione fisica ed esperienza dello sport a cui ci stiamo dedicando, più siamo neofiti della disciplina, più breve sarà questo periodo specifico, più siamo esperti e allenati e più lungo sarà il periodo specifico. Nel periodo specifico andremo a programmare e finalizzare meglio la preparazione, organizzando sedute di allenamento che prendano in riferimento il gesto tecnico e la specificità dello sport che pratichiamo. Importante in questo periodo è provare i ritmi di gara, allenarsi a intensità sempre via via più intensi e vicini alle condizioni di gara, il recupero è fondamentale per poter gestire al meglio ogni seduta di allenamento, la specificità del gesto è alla base di questo periodo specifico di preparazione. Nulla deve essere lasciato al caso, dal ritmo gara, all’alimentazione e integrazione gara.

TRIATLETA

 

alt

 

Per il triatleta si effettueranno sedute di allenamento per le diverse discipline Nuoto, Ciclismo, Corsa rispettando i canoni condizionali e tecnici della gara che stiamo preparando (Sprint, Olimpici, IronMan 70.3 , IronMan). In base all’obiettivo da raggiungere saranno programmate sedute che rispecchiano il più possibile le caratteristiche condizionali e tecniche della gara in programma. Quindi se stiamo preparando Sprint e Olimpici , ci saranno sedute finalizzate soprattutto al miglioramento della soglia anaerobica e correre a ritmi veloci, gli allenamenti saranno più brevi e intensi. Mentre se stiamo preparando una gara IronMan 70.3 o IronMan, le sedute programmate avranno come fine quello di migliorare in primis la Resistenza Aerobica e la Potenza Lipidica con esercitazioni via via sempre più lunghe e meno intense , senza tralasciare sedute di training mentale molto importanti nella gestione della fatica a lungo termine.

RUNNERS

 

alt 

Come per il Triatleta, anche il Runner in questo periodo si dovrà allenarsi alla specificità del gesto tecnico e della miglior prestazione possibile. Gli allenamenti hanno come obiettivo quello di migliorare il ritmo gara e di sensibilizzarsi a quel ritmo (focus ritmo) per poter essere sicuro di gestirlo durante la gara. Le sedute di allenamento rispecchieranno la gara che stiamo preparando, quindi se stiamo preparando gare di 10km sarà importante migliorare la potenza aerobica (soglia anaerobica), se stiamo preparando una 21km si dovrà migliorare la Capacità Aerobica , se invece stiamo preparando la Maratona , fondamentale sarà il miglioramento della Resistenza Aerobica e della Potenza Aerobica, oltre che migliorare la forza mentale!

  

PERIOGO AGOSTICO

Dopo una lunga preparazione di 5 - 8 mesi in base alla gara a cui vogliamo partecipare, si arriva finalmente al periodo Agonistico ove gli sforzi vengono ripagati con i migliori risultati , o almeno si spera che tutto ciò accadi nei migliori dei modi e auspici. Per fare in modo che la nostra sia una Peak Perfomance, si necessita che in questo periodo rigeneriamo il nostro organismo, rifiniamo meglio la preparazione, e non trascuriamo nessun aspetto della competizione, dall’analisi del percorso gara, alle condizioni meteo che troveremo in gara, all’alimentazione e all’integrazione da attuare prima , durante e dopo la gara e soprattutto capire a che ritmo poter gestire la gara e quale previsione di tempo finale possiamo sperare. Questo periodo lo analizzeremo in maniera specifica in altri articoli , adesso è fondamentale capire come poter programmare al meglio la preparazione atletica per il nuovo anno e come prefiggerci obiettivi sempre più ambiziosi.

alt 

Concludendo possiamo affermare che in questo periodo di fine anno agonistico, da Novembre a Dicembre, diventa fondamentale organizzare al meglio la preparazione atletica per il nuovo anno, il tutto sarà fatto dopo che abbiamo fissato i nostri “obiettivi agonistici ecologici “ del 2015 (cioè che rispettino il nostro Mondo e Vita quotidiana senza trascurare i rapporti interpersonali e lavorativi ). Prendendo consapevolezza del fatto che non sempre un’ottima pianificazione dell’allenamento, conduce l’atleta al raggiungimento del miglior risultato agonistico, purtroppo non sempre la preparazione va a “gonfie vele e senza intoppi”, ma sicuramente può essere già un buon punto di partenza avere le idee chiare sugli obiettivi e gare da svolgere, programmando la preparazione al meglio non tralasciando nulla al caso!

Buona programmazione allenamento!

(from Runningzen di Prof I.Antonacci)

TRAIL RUNNING : SCARPA DYNAFIT PANTERA

Fango, pietra, asfalto. La nuova scarpa da corsa DYNAFIT si adatta a ogni terreno. Il modello Pantera, pensato per le gare ultratrail, si comporta ottimamente anche nello speed hiking. La suola Vibram con tecnologia Mapping Compound, creata originariamente per le gare, regala un’aderenza perfetta su ogni terreno. La scarpa Pantera è un vero concentrato di tecnologia grazie alle due unità EVA Duo Motion a tutta lunghezza: grazie a questa innovazione ha potuto conquistare la leadership nel segmento “alpine running”.

Con il modello Pantera, DYNAFIT si conferma come l’azienda in grado di soddisfare le ambizioni dei top runner. Si direbbe “provare per credere”, anzi: calzare per credere. Si perché è proprio il fit dell’azienda specializzata nello sci alpinismo che fa la differenza: per DYNAFIT la calzata è il punto di forza.

Il materiale utilizzato per la tomaia è traspirante ed elastico, in grado di adattarsi alla forma del piede. La calzata Sensitive Fit Plus consente di sostenere al meglio la pianta del piede e di proteggere il tallone. La struttura della scarpa permette all’avampiede e alle dita di muoversi liberamente, a tutto favore del comfort. Con la Pantera i tecnici DYNAFIT sono così riusciti a rispettare l’ergonomia di tallone e della pianta del piede, e far “scorrere” comodamente la scarpa.

 

Il trail, si sa, non richiede solamente una buona condizione fisica dell’atleta, ma è necessario che questi corra con una scarpa affidabile e proporzionata alle aspettative del runner. La scarpa Pantera asseconda i movimenti dell’atleta con una ottimale ammortizzazione: due unità EVA DUO Motion a tutta lunghezza, aumentano la coordinazione muscolare, l’equilibrio e il controllo, soprattutto nelle discese ripide.

Spesso la differenza la fanno i dettagli. Per esempio i piccoli lacci di poliammide che avvolgono uniformemente il piede e trasmettono la tensione dell’allacciatura direttamente sulla suola, garantiscono una tenuta perfetta.

La suola Vibram© con tecnologia Mapping Compound ha dato straordinarie risposte su terreni bagnati: la mescola di tre diverse gomme si adatta a ogni superficie.

E anche sul fronte della sicurezza la Pantera offre una interessante innovazione con la struttura Ballistic Bumper, ovvero una piastra di polimero anti-rottura sull’avampiede, che protegge il piede dalle pietre appuntite e dagli urti.

La scarpa è disponibile anche in versione femminile, costruita sulle specifiche esigenze del piede delle trailrunner e in versione no GORE-TEX.

Tutte le caratteristiche:

Suola Vibram© con tecnologia Mapping Compound

Tenuta perfetta e ammortizzazione grazie alla midsole Duo Motion

Massima precisione e bilanciamento grazie all’allacciatura tecnica

Ballistic Bumper di protezione per dita e avampiede

Rinforzo della muscolatura profonda e sostegno della coordinazione muscolare grazie alla funzione Sensitive Fit

Strato superiore in materiale traspirante ed elastico

Prezzo di listino  consigliato al pubblico (articolo 64006 per lui e 64009 per lei) : Euro 130,00

La puoi acquistare online da MOTUS cliccando qui

Ufficio stampa DYNAFIT Italia

VIDEO : TEST SET GORE RUNNING WEAR X-RUN ULTRA

giacca-trail-running-gore-x-run-ultra-windstopper-soft-shell-light-menPer gli amanti della corsa in montagna, durante la stagione fredda, ecco il set di Gore Running Wear X-RUN ULTRA,  Outdoortest ha provato, sul MOnte Cavallo, a Vipiteno, la giacca Ultra So Lights in abbinamento ai tights 3/4. GORE, il marchio famoso e affermato per l'abbigliamento running e bike, ha una linea specifica di prodotti (maglie, giache, pantaloni ed accessori) per il trail running, la corsa off-road. Si tratta di capi di abbigliamento realizzati con materiali di prima qualità e dotati delle migliori tecnologie GORE : WINDSTOPPER E GORE-TEX. I tagli e il confezionamento sono studiati appositamente per il trail running. Tasche, taschini, protezioni e cuciture sono studiati per le necessità di chi corre in montagna. Puoi acquistare i prodotti running di GORE a prezzo scontato nel punto vendita MOTUS di AREZZO oppure online : CLICCA QUI
 
 

CLASSIFICA CAMPIONATI ITALIANI TRIATHLON OLIMPICO NO DRAFT ISEO (BS)

Gli uomini vincitori degli Italiani di Triathlon Olimpico 2014 ad IseoSi sono disputati a Iseo (BS) domenica 6 Luglio i Campionati Italiani di Triathlon Olimpico No Draft per Age Group. Qui di seguito i medagliati per categorie e in allegato il file con le classifiche assolute sia maschile sia femminile.
DONNE
SENIOR 1
1 4 1042 FIORAVANTI ILARIA A.S.MINERVA ROMA S1 1 4 2:38:20 +0:06:31
2 12 1041 CAMERA TEODOLINDA TRIATHLON BORDIGHERA S1 2 12 2:45:13 +0:13:25
3 25 1046 PICCINELLI CHIARA AQUATICA TORINO S.D. S1 3 25 2:51:07 +0:19:19
SENIOR 2
1 2 1052 BEDORIN GIULIA PADOVANUOTO DYNAMICA S2 1 2 2:37:08 +0:05:20
2 6 1053 INGLETTO CHIARA FIRENZE TRI S2 2 6 2:40:05 +0:08:16
3 7 1055 BALLESTRI GIULIA MODENA TRIATHLON S2 3 7 2:40:43 +0:08:54
SENIOR 3
1 1 1071 BATTISTONI ELISA 707 S3 1 1 2:31:48 –
2 11 1073 TUNESI FRANCESCA CUS TORINO TRIATHLON S3 2 11 2:45:06 +0:13:17
3 21 1074 MAULE ROBERTA PESCHIERA TRI S3 3 21 2:49:51 +0:18:03
SENIOR 4
1 5 1091 TESSARO MICHELA LC BOZEN S4 1 5 2:38:44 +0:06:55
2 22 1092 DAVOLIO BARBARA WOMAN TRIATHLON ITAL S4 2 22 2:49:53 +0:18:05
3 24 1093 SIRONI CRISTINA ROAD RUNNERS S4 3 24 2:50:43 +0:18:55
MASTER 1
1 8 1121 PEDERZOLI LAURA PEPERONCINO TEAM M1 1 8 2:41:30 +0:09:42
2 18 1123 TRAZZI BARBARA VERONA TRIATHLON M1 2 18 2:48:51 +0:17:03
3 23 1130 BORDIGA CLAUDIA PEPERONCINO TEAM M1 3 23 2:50:29 +0:18:41
MASTER 2
1 9 1161 PALLARO DANIELA PADOVANUOTO DYNAMICA M2 1 9 2:42:31 +0:10:43
2 13 1162 FERRARI MONICA PEPERONCINO TEAM M2 2 13 2:46:21 +0:14:33
3 19 1180 QUADRI RITA LILIA TRIATHLON CREMONA ST M2 3 19 2:48:51 +0:17:03
MASTER 3
1 16 1194 IANESI MANUELA BRESSANONE NUOTO M3 1 16 2:47:53 +0:16:05
2 20 1186 MONETA STEFANIA PRO PATRIA A.R.C. B M3 2 20 2:49:23 +0:17:34
3 48 1187 TORRETTI PAOLA MARIA SAI FRECCE BIANCHE M3 3 48 3:03:30 +0:31:41
MASTER 4
1 80 1197 CASON ANTONELLA TREVISO TRI M4 1 80 3:16:52 +0:45:04
2 112 1201 ROSSATO BERTILLA PATRIZIA ESSECI M4 2 112 3:36:51 +1:05:02
3 117 1199 IABICHELLA LUISELLA ROAD RUNNERS M4 3 117 3:42:07 +1:10:18
MASTER 6
1 137 1202 STRATA MARGHERITA ELBAMAN TEAM M6 1 137 4:18:55 +1:47:07
MASTER 7
1 138 1203 BOIS GABRIELLA CUNEO TRI M7 1 138 4:36:50 +2:05:01

UOMINI
SENIOR 1
1 8 22 LADISA MARCO 707 S1 1 8 2:17:55 +0:08:54
2 16 24 GALLI FILIPPO RASCHIANI TRI PAVESE S1 2 16 2:22:38 +0:13:37
3 21 43 FONTANA MATTEO DDS S1 3 21 2:23:49 +0:14:48
SENIOR 2
1 4 61 INCARDONA FEDERICO NLF S2 1 4 2:15:58 +0:06:57
2 7 116 SARZILLA MICHELE RASCHIANI TRI PAVESE S2 2 7 2:17:20 +0:08:19
3 10 63 ANDRENUCCI ISACCO OXYGEN TRIATHLON S2 3 10 2:19:12 +0:10:12
SENIOR 3
1 6 127 SALINI GABRIELE 707 S3 1 6 2:16:51 +0:07:50
2 11 128 INSALATA MICHELE ASD NADIR ON THE ROA S3 2 11 2:20:21 +0:11:21
3 12 131 CIVERA FABIO 707 S3 3 12 2:20:47 +0:11:46
SENIOR 4
1 9 271 IULIANO CRISTIANO FIRENZE TRI S4 1 9 2:18:44 +0:09:43
2 23 276 MANGIAROTTI MARCO TRIATHLON CREMONA ST S4 2 23 2:24:09 +0:15:08
3 25 281 MORANDI MIRKO PRO PATRIA A.R.C. B S4 3 25 2:24:27 +0:15:26
MASTER 1
1 3 467 BONAZZI LUCA FREEZONE M1 1 3 2:15:41 +0:06:40
2 5 466 PASQUALINI BRUNO A.S.D. TORINO TRIATH M1 2 5 2:16:09 +0:07:08
3 13 468 BULGARELLI ALFIO SURFING SHOP TRIATHL M1 3 13 2:21:12 +0:12:11
MASTER 2
1 38 698 CROSTA STEFANO RHO TRIATHLON CLUB M2 1 38 2:27:08 +0:18:08
2 41 815 DEL BIANCO DENIS UDINE TRIATHLON M2 2 41 2:27:50 +0:18:50
3 44 699 BOVOLENTA ALESSANDRO TRI NOVARA M2 3 44 2:28:20 +0:19:20
MASTER 3
1 52 867 CAVALLERETTI ANGELO TRIATHLONLECCO M3 1 52 2:29:03 +0:20:02
2 54 869 ZANE FRANCESCO A3 M3 2 54 2:29:13 +0:20:12
3 73 873 ZAMPIERI LUCIANO PADOVANUOTO DYNAMICA M3 3 73 2:31:43 +0:22:42
MASTER 4
1 132 967 POLGA EMANUELE PADOVANUOTO DYNAMICA M4 1 132 2:36:52 +0:27:51
2 151 961 SALINI ENRICO FDM TRI M4 2 151 2:38:40 +0:29:39
3 221 964 GARZONI ETTORE FERALPI TRIATHLON M4 3 221 2:43:04 +0:34:03
MASTER 5
1 311 1001 MARCELLINO ALBERTO CUS TORINO TRIATHLON M5 1 311 2:48:39 +0:39:38
2 377 1011 TIRONI GIANMARCO TRIATHLON CREMONA ST M5 2 377 2:52:16 +0:43:15
3 607 1002 PIOLANTI STEFANO CINGOLANI TRIATHLON M5 3 607 3:06:58 +0:57:57
MASTER 6
1 430 1021 VANZI MICHELE T.D. RIMINI M6 1 430 2:55:08 +0:46:08
2 709 1027 MARTORANA VITTORIO SPORT EXTREME M6 2 709 3:16:43 +1:07:43
3 823 1022 CAVALIERE ALFREDO T.D. RIMINI M6 3 823 3:36:00 +1:27:00
MASTER 7
1 867 1028 RAMELLA AGOSTINO CUNEO TRI M7 1 867 5:07:55 +2:58:55

 

CLASSIFICHE ASSOLUTE FEMMINILE E MASCHILE : CLICCA QUI

GIACCA GORE BIKE ELEMENT GORE-TEX : VIDEO

giacca-bike-gore-element-goretex-activeIn vendita da Motus la giacca da ciclismo GORE BIKE ELEMENT GORE-TEX ACTIVE SHELL. Si tratta di una giacca versatile in GORE-TEX® Active per il ciclista amatoriale. Offre una vestibilità confortevole e una protezione efficace contro pioggia e vento. Il morbido tessuto con cui è realizzata assicura il massimo comfort a contatto con la pelle.
 
La giacca Gore BIKE ELEMENT GORETEX ha una tasca Napoleone con zip. La circonferenza in corrispondenza della vita è regolabile tramite coulisse elasticizzata con blocco.
La giacca presente una stampa riflettente sulle spalleed un Piping riflettente posteriore e sulle maniche per migliorare la visibilità del ciclista. La manica è dotata di chiusura regolabile e di un Tiretto a zip perun' apertura agevolata
La Gore Bike Element ha una perdisposizione in velcro per fissare il cappuccio separato.
Sono presenti loghi GORE riflettenti anteriore e posteriore. Il retro della giacca ha una forma allungata e presenta una tasca posteriore con zip per riporre oggetti.
La giacca è in vendita da MOTUS ad un prezzo scontato di 179,96 euro. Le taglie sono variabili tra S e XXL nella versione uomo. I colori disponibili sono ben quattro : verde, rosso, nero e blu.

IRONMAN GERMANY : ALESSANDRO DEGASPERI E' QUINTO !

Alessandro Degasperi ha portato a termine la sua prima gara “iron distance”. La distanza regina del triathlon, quella che più di tutte può glorificarti. Lo ha fatto con il piglio del campione conquistando quello che alla vigilia sembrava una chimera, un inatteso 5° posto.

Inatteso perché domenica 6 luglio l’Ironman Frankfurt Germany era valido come Campionato Europeo al quale hanno preso diversi tra i più forti ironman di sempre sulla distanza.

Tra cui triatleti del calibro di Sebastian Kienle (2 volte vincitore del titolo mondiale sulla distanza IM 70.3), Frederik Van Lierde (attuale campione del mondo in carica), Jan Frodeno (campione Olimpico nel 2008 e dominatore del circuito Ironman 70.3), Andreas Raelert (detentore della miglior prestazione in un triathlon 226, fatto segnare al Challenge Roth nel 2011, 7h41’33″), Ronnie Schildknecht (vincitore di 7 Ironman).

Insperato anche perché da maggio in poi ha lottato con uno stiramento al polpaccio e il riacutizzarsi di un’infiammazione ai tendini di Achille.

Quando c’è il Dega di mezzo, però, non si può dare nulla per scontato: il ragazzo dal fare gentile e tranquillo ha dentro di sé una grinta e una combattività fuori dal comune, caratteristiche che gli hanno permesso di regalarci pagine importanti della storia del triathlon, tra cui si inserisce questo Ironman Germany.

Partenza alle 6.45, i 3.8K di nuoto si svolgono a ritmo altissimo e un gruppo di 7 atleti, tra cui Van Lierde, Frodeno, Raelert e Alonso, si avvia in T1 dopo poco più di 45′. Staccato di 4′ il gruppo con Degasperi, Kienle, Schildknecht, Plese.

Inizia la frazione bike che regalerà numerosi colpi di scena: Van Lierde prova ad allungare, da dietro rientra prepotentemente Kienle che alla fine farà registrare uno stratosferico 4h12′ (180 km no draft alla media 42,94 km/h!), Frodeno fora il tubolare 3 volte e perde minuti preziosi, Raelert non riesce a tenere il ritmo dei primi.

Degasperi sceglie di tenere il suo passo e alla fine farà segnare sulla sua Bianchi Pico Crono equipaggiata Campagnolo, il 3° parziale di giornata (4h29’51″, alla media di 40,13 km/h).

Inizia l’ultima frazione, la maratona, che regalerà anch’essa numerosi colpi di scena: Kienle scende dalla bici con un vantaggio incredibile sul secondo, amministra e si invola al traguardo per la sua prima vittoria in un Ironman e la conquista del titolo europeo il giorno del suo 30° compleanno.

Tempo finale di Kienle: 7h55’14″, record della manifestazione.

Van Lierde prova a recuperare, ma si deve “accontentare” del secondo posto in un crono di 25 secondi superiore alle 8 ore. Dichiarerà al termine di aver fatto una gara perfetta, ma di aver trovato un campione più forte di lui quest’oggi.

Frodeno, dopo le ripetute forature, scende dalla bici, inizia a correre, accusa crampi, si riprende e inizia a volare: fa segnare un parziale di giornata di 2h43’14″ che gli vale il gradino basso del podio.

Schildknecht, Degasperi e Plese corrono appaiati fino al 25° km. Poi Degasperi accusa qualche problema di stomaco e cala il ritmo perdendo terreno sul duo.

Il Dega ancora una volta non si perde d’animo e, dopo questo momento di crisi, torna a correre e riesce a superare al 40° Plese, conquistando così la Top5 nel tempo di 8h20’39″.

Tempo che dopo Daniel Fontana e Danilo Palmucci, lo fa diventare il terzo italiano più veloce di sempre sulla distanza.

Questo il commento del Dega al traguardo: “Ho fatto una gara prudente fino a metà della frazione ciclistica, poi mi sentivo sempre meglio e, nella seconda parte di gara, sono riuscito a fare un po’ di selezione insieme a Schildknecht e Plese. Nella frazione podistica sono partito a un ritmo che mi sembrava tranquillo rispetto a quelli a cui sono abituato nei 70.3. La seconda metà della maratona è stata un calvario, muscolarmente ero a pezzi, ho dovuto calare il ritmo e, negli ultimi due chilometri, ho stretto i denti per riconquistare la quinta piazza. Ho pagato, in questa parte di gara, la preparazione precaria dell’ultimo periodo. Le On CloudSurfer e i Compressport US mi hanno aiutato parecchio a tenere a bada l’infiammazione al tendine d’achille che patisco da un po’, sto cercando la soluzione definitiva con dei nuovi plantari ma, ancora non l’ho trovata e così, al 21° km ho sostituito i plantari nuovi con quelli vecchi per evitare di sovraccaricare ulteriormente i polpacci. Un grazie ai miei sponsor, alla mia famiglia, alla mia squadra, ai miei amici e ai miei supporter che non mi hanno mai fatto mancare il loro sostegno neanche nei momenti più difficili“.

Naturalmente il Dega è felicissimo del risultato raggiunto che gli ha permesso di guadagnare preziosi punti per la qualifica per il Mondiale Ironman Hawaii a Kona. Ora il forte atleta fiemmese è al 51° posto del ranking mondiale.

Alessandro Degasperi
Ha vestito l’azzurro più di una volta ed è salito sui podi delle più importanti competizioni nazionali e non di triathlon olimpico. Dopo i secondi posti nel 2007 e 2008 ai Campionati Europei di Ironman 70.3 decide di dedicarsi alla distanza raccogliendo ottimi risultati, soprattutto dal 2011. Nel 2012 il Dega corona uno dei suoi sogni vincendo l’Ironman 70.3 di Zell Am See (Salisburgo) e conquistando numerosi podi. Difende i colori del CUS Trento. Nel 2013 è medaglia di bronzo agli Europei di Ironman 70.3 di Wiesbaden, secondo all’Ironman 70.3 Italy e terzo al Challenge Rimini. Il Dega è supportato da alcune tra le più importanti aziende a livello mondiale: On, Bianchi, PowerBar, Aquasphere, Pasta Young Endurance, Compressport, Rudy Project, Santini, fi’zi:k, Vision, Campagnolo, Garmin, Trispecialist.com.
Sito internet: www.aledegasperi.net
Facebook: www.facebook.com/degasperiale
Twitter: @tridega

Fonte: comunicato stampa

GORE BIKE : ALP-X 2.0, LA GIACCA PER LE TUE USCITE IN MTB

giacca bike GORE ALP-X 20 gore tex activeDa Motus puoi acquistare la giacca da ciclismo GORE ALP-X 2.0 GORE TEX ACTIVE SHELL JACKET, Si tratta di una giacca da ciclismo pensata in modo specifico per la MTB, per il ciclismo off-road. Realizzata con tessuto GORE TEX ACTIVE SHELL, la ALP-x 2,0 è una giacca biake leggerissima, impermeabile e traspirante.L'abbigliamento sviluppato con la tecnologia GORE-TEX® Active Product è estremamente traspirante ed è ideale per attività quotidiane altamente aerobiche. Tutti i componenti sono costruiti per una gestione ottimizzata del sudore e per assicurare un'estrema traspirabilità e un maggiore comfort in condizioni altamente aerobiche. Le performance sono anche supportate da vestibilità aderente e design minimale degli indumenti
Ecco le caratteristiche di questa stupenda giacca :
Tasca Napoleone con zip Stampa riflettente intorno alla zip Piping riflettente posteriore e sulle maniche Chiusura manica regolabile Ampiezza vita regolabile mediante coulisse da utilizzare con una sola mano e relativo alloggio Cerniera sul davanti con linguetta di fissaggio Protezione ed alloggio per zip Cappuccio staccabile con cerniera Cappuccio con regolazione dell'ampiezza e del campo visivo Inserti elasticizzati GORE-TEX® sulla parte posteriore e sulle maniche Logo riflettente anteriore e posteriore Logo riflettente sul colletto Coda allungata apribile come protezione contro gli schizzi Tasca posteriore con zip per riporre oggetti vantaggi GORE-TEX® Active L'abbigliamento sviluppato con la tecnologia GORE-TEX® Active Product è estremamente traspirante ed è ideale per attività quotidiane altamente aerobiche. Tutti i componenti sono costruiti per una gestione ottimizzata del sudore e per assicurare un'estrema traspirabilità e un maggiore comfort in condizioni altamente aerobiche. Le performance sono anche supportate da vestibilità aderente e design minimale degli indumenti
Nel video qui sotto potete apprezzare la bellezza e la tecnicità di questa giacca per MTB GORE ALP-X 2.0 in GORE TEX.
Disponibile in 5 taglie e in varie colorazioni.
Per ulteriori dettagli e per acquisti CLICCA QUI
 

SEBASTIAN KIENLE VINCE CON SCOTT GLI EUROPEI DI IRONMAN A FRANKFURT


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Kienle vince i campionati Europei

Primo Record con il miglior tempo, nuovo record- SCOTT Triathlete Sebastian Kienle vince il Campionato Europeo a Francoforte.

Sebastian Kienle, per festeggiare al meglio il suo 30esimo compleanno, ha vinto i Campionati Europei a Francoforte; assegnandosi il suo primo titolo importante nella lunga distanza in un tempo record di percorrenza di 7:55:14.

 

Un risultato importante per la classifica per Kona; il titolo europeo ha attratto atleti da tutto il mondo a Francoforte tra cui il Campione del Mondo in corso Luc Van Lierde, campione olimpico Jan Frodeno, l'ex campione europeo Andreas Raelert e molti altri. Nonostante la sua vittoria in occasione del Challenge Kraichgau di qualche settimana fa, Sebastian Kienle sapeva che una gara perfetta per lui per battere gli illustri avversari.

Nuoto
Erano i nuotatori di talento che preoccupavano Kienle prima della gara. "Dopo il primo giro di nuoto, avevo un deficit di 3 minuti
dai leader. Ero abbastanza scioccato e mi aspettavo almeno 6 minuti  dopo la nuotata", ha detto Kienle dopo la gara. Tuttavia, è riuscito a mantenere il divario tra lui ed i nuotatori più veloci a 3min 30sec dopo la 3.8k di nuoto nel Langener Waldsee.


Una bici veloce come un lampo
Sulla sua nuova bici  il tedesco è andato subito ad inseguire gli atleti di fronte a lui. Una volta in testa alla corsa, Kienle ha aspettato una collina ripida per attaccare e da lì ha guadagnato continuamente tempo sui concorrenti. Con un tempo intermedio di 4:12:14 Kienle ha battuto il record del già esistente di oltre 8 minuti. La bici di Van Lierdes è stata la seconda più veloce della giornata, ma sempre dietro a Kienle. "La nuova bici è solo dannatamente veloce," Kienle concluso dopo la gara. "Non posso dire di più oggi, ma tra 10 giorni rivelerò alla stampa  ed ai  tifosi i motivi per i quali questa bici è la più veloce!"
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una maratona di cui essere orgogliosi
Durante la maratona di chiusura, Kienle ha tenuto a bada i corridori più veloci. Grazie ad una run  veloce 02:49:35  Kienle è riuscito a vincere la gara in meno di 8 ore e di battere il record esistente. “Avevo visto correndo solo il tempo parziale, ed a fine gara ero veramente orgoglioso della mia prestazione alla chiusura dei 42 km," ha dichiarato Kienle post-gara. "Sapevo che avrei avuto la possibilità di pedalare così veloce grazie alla bici, ma non sono mai stato in grado di dimostrare in realtà", ha riassunto un visibilmente felice Kienle.

 SU WWW.MOTUSPORT.IT PUOI ACQUISTARE A SALDO I TELAI PLASMA SCOTT 2013. CLICCA QUI

DE MARCHI : L'ABBIGLIAMENTO DEL CICLISMO EROICO

Nel mondo del ciclismo De Marchi è sinonimo di tradizione. Se si pensa al ciclismo d'epoca, il cosidetto ciclismo eroico, non si può fare a meno di pensare a De Marchi, il marchio che ha vestito i più grandi campioni della storia del ciclismo internazionale.
Nato nel 1906, Emilio De Marchi fu il fondatore dell'omonimo "maglificio sportivo" ed un pioniere del ciclismo. Amico di atleti leggendari quali Ottavio Bottecchia, Gino Bartali, Louison Bobet e molti altri, iniziò la sua attività sul finire degli anni venti come meccanico di bici e motociclette per poi collaborare con le prime squadre professionistiche dell'epoca ed iniziare, pochi mesi dopo la fine della seconda guerra mondiale, la produzione dei primi capi che contribuirono alla creazione di un vero e proprio standard in fatto di abbigliamento ciclistico che, prima di allora, era genericamente "sportivo". Solamente tre manifatture all’epoca confezionavano questi capi in Italia. Il crescente benessere economico unito al diffondersi dello sport contribuiscono al rapido successo del Maglificio Sportivo e in breve tempo le maglie “De Marchi” saranno indossate da leggendari campioni come Bottecchia, Magni, Coppi, Bartali e Bobet.
Quando dopo vent’anni di grandi successi e soddisfazioni, De Marchi decide di ritirarsi dall’attività, sono la figlia Elda e suo marito Ezio Coccia a rilevare l’azienda. Spalla a spalla col suocero, Coccia seleziona i pellami di daino più morbidi da applicare ai fondelli dei pantaloni e lavora all’evoluzione tecnica dei prodotti. Sotto la sua guida la produzione, ormai integrata verticalmente, prosegue con la stessa attitudine di un tempo: rispondere alle esigenze individuali del ciclista. Si racconta che lo stesso Moser, per la tappa di Milano del Giro del ’68, abbia preteso a tutti i costi un paio di pantaloncini De Marchi, in ragione della loro confortevolezza. Mauro e Stefano, figli di Ezio e Elda, sono invece i fautori dell’indiscusso successo dell’azienda degli ultimi vent’anni, sia in termini tecnici che commerciali. Ad eccezione dei fondelli anatomici in gel a forma di “mezzaluna”, soluzione esclusiva dei pantaloncini De Marchi, molte delle loro innovazioni tecnologiche sono state adottate a livello internazionale: i primi pantaloni senza cuciture, i fondelli elastici, l’introduzione della stampa in sublimazione (mutuata dal nuoto), delle bretelle o di tagli superanatomici. Altissime prestazioni, comfort e sobrietà del design hanno permesso al brand di essere apprezzato tanto dal ciclista amatoriale quanto dal professionista. Basti pensare che solo negli ultimi 15 anni sono 38 i titoli mondiali vinti da atleti vestiti da De Marchi.
maglia-ciclismo-demarchi-belgium-1974-vintage-cycling-jersey.jpgA completare la produzione, in occasione del 60° Anniversario, l’omonima capsule collection: maglioni e polo ultraleggeri in lana merino, guanti e cappelli ispirati ai modelli storici dell’azienda, indossati dai mitici campioni del passato. Testimonianza di grande tradizione ma anche sinonimo di un gusto evoluto, altamente contemporaneo, ciascuno di questi capi è realizzato in Italia attraverso le lavorazioni caratteristiche dei capi di un tempo. Perchè chi produce vera qualità si distingue dai dettagli.
Oggi il fascino del ciclismo eroico, l'amore per biciclette d'epoca, per l'abbigliamento e gli accessori utilizzati dai grandi campioni del passato, coinvolge sempre un maggior numero di appassionati. Ne sono testimonianza le manifestazioni rievocative del ciclismo d'epoca, come ad esempio la famosa e partecipata manifestazione cicloturistica EROICA che si tiene da molti anni in Toscana, a Gaiole in Chianti, nelle immediate vicinanze di Siena.
De Marchi riproduce oggi maglie da ciclismo che sono la replica delle stesse maglie che De Marchi realizzò per campioni come Mercx, Gimondi, Moser, Basso, Koblet, Adorni e tanti altri. Maglie indossate dai ciclisti di squadre professionistiche che hanno fatto la storia del ciclismo : Atala, Bottecchia, Cinelli, Filotex, Wilier Triestina. Maglie indossate da atleti che hanno rappresentato la propria nazione nelle competizioni iridate su strada: Australia, Irlanda, Svizzera, Italia, Francia, Belgio, etc etc
 maglia-demarchi-filotex-1975-vintage-cycling-jersey.jpg
Sono maglie in lana Merino e fibra acrilica, indossabili anche nel tempo libero : il taglio, la cura dei particolari, la fedeltà al passato, la qualità dei materiali e la precisione maniacale nel confezionamento li rendono capi di abbigliamento inconfondibili e dal grande appeal.
Motus è rivenditore del marchio De MArchi. Nel punto vendita di Arezzo e nello shop online puoi acquistare i capi De Marchi.....indossarli...e assaporare il profumo del ciclismo eroico che fu...quel profumo inconfondibile che mai svanirà.
 
 

SCARPA RUNNING SCOTT T2 PALANI : VIDEO

Sapete cosa sta a significare la sigla T2 presente nel nome della scarpa Running SCOTT T2 PALANI ?
T2 sta per Transition - 2, ovvero la seconda transizione in una competizione triathlon, la transizione tra la frazione di ciclismo e la razione di corsa. Il modello T2 Palani di casa Scott è infatti una scarpa molto adatta anche per la pratica del triathlon. Tanti sono gli accorgimenti che rendono la T2 Palani adatta alla corsa nel triathlon : una tomaia morbida senza cuciture che creino fastidio al piede in assenza di calze, i fori ed i canali per il drenaggio dell'acqua, la linguetta molto sottile, la fascia elastica adatta per il bloccaggio dei lacci elstici, una reattività e flessibilità racing, etc etc.
La tecnologia Eride di Scott consente poi di ottenere un appoggio molto stabile nella zona mediale del piede, consentendo uno stile di corsa efficiente ed in spinta. Puoi acquistare le scarpe SCOTT running online cliccando qui, oppure venire a provarle nel ns punto vendita di Arezzo.
 
 
 

A SOLI 849 EURO IL NUOVO MISURATORE DI POTENZA ROTOR POWER LT

Oggi misurare i tuoi WATT di potenza in bici non è poi così costoso . Con il nuovo misuratore di potenza per il ciclismo ROTOR POWER LT, leggerezza ed economicità sono alla portata di tutti i ciclisti che vogliono allenarsi e gareggiare monitorando i loro parametri di potenza espressa sui pedali. Uno strumento facile e soprattutto leggero, con i suoi soli 535g di peso (complesso guarnitura, powerLT, senza le corone). Disponibile co asse in alluminio dal diametro di 30mm e con un BCD 110x5.
Questo nuovo misuratore di potenza nasce dalla collaborazione tra ROTOR e l' UCI Pro Team Lampre-Merida.
Contrariamente al fratello maggiore ROTOR POWER METER, il nuovo POWER LT consente di rilevare la potenza solo sulla pedivella sinistra. Pertanto in questo caso non è possibile avere entrambi i dati di potenza della gamba destra e della gamba sinistra.
Il dato di potenza viene rilevato con grande accuratezza, grazie ad un campionamento dati alla frequenza di ben 500Hz.
La lettura dei dati di deformazione sulla pedivella sinistra avviene lungo tre assi, preservando il dato di potenza da disturbi legati a deformazioni asimmetriche, carichi laterali, condizioni della strada, etc etc.
Inoltre il POWER LT ROTOR è immune da errori indotti dalle variazioni di temperatura, in quanto i sensori sono posizionati laddove non si generano deformazioni legate alle tensioni prodotte dalle variazioni di temperatura.
Inoltre il nuovo POWER LT non ha il MAS, ovvero il MICRO ADJUST SPIDER, dispositivo presente sul POWER METER che consente una regolazione fina (2,5°) dell'OCP delle corone QRING e QXL ROTOR.
Il nuovo POWER METER ROTOR è compatibile con i dispositivi ANT+, consentendo ad esempio la trasmissione e visualizzaizone dei dati di potenza su ciclocomputer come i GARMIN EDGE o simili.
Le pedivelle del ROTOR POWER LT sono disponibili in tre misure differenti di lunghezza : 170mm, 172,5mm, 175mm
La bateria di alimentazione del POWER METER è sostituibile in modo facilissimo, senza la necessità di adoperare appositi attrezzi.
Per ulteriori dettagli e per acquistare il ROTOR POWER LT, CLICCA QUI
 
 

SCOTT RUNNING SU WWW.MOTUSPORT.IT

MOTUS è rivenditore ufficiale del marchio SCOTT RUNNING. La famosa casa statunitense offre una gamma di scarpe running molto tecnica e all'avanguardia. Nel catalogo SCOTT sia scarpe running da strada sia scarpe da trail running. Kinabalu, Palani, Race rocker sono solo alcuni dei modelli che puoi acquistare online su www.motusport.it. Con l'esclusiva tecnologia eRide, le scarpe running SCOTT offrono un appoggio nella zona mediale molto stabile , per agevolare uno stile di corsa molto efficiente. In particolare il modello tra trail running KINABALU 2.0 è una delle scarpe più apprezzate nelle competizioni e negli allenamenti di corsa in montagna e fuori strada. E' infatti la scarpa scelta da Marco De Gasperi per le competizioni Trail e di Corsa in Montagna più impegnative. Acquista la tua scarpa SCOTT su www.motusport.it, oppure vieni a provarla nel nostro punto vendita di Arezzo.

NUOVE RUOTE ZIPP 404 FIRESTRIKE

ruote-zipp-404-firestrike-carbon-clincherDopo l'introduzione nel 2010 del cerchio Firecrest, ZIPP lancia ora in commercio una nuova tecnologia per le ruote da ciclismo in carbonio. Si tratta delle nuove ZIPP 404 FIRESTRIKE, disponibili per copertoncino.
Il progetto Firestrike si basa sullo stesso brevetto Firecrest. Progettato con l'analisi dinamica dei fluidi, il cerchio Firestrike garantisce una riduzione del 34% in termini di forza laterale, offrendo rispetto al firecrest un migliore equilibrio tra aerodinamica e rigidità laterale. I nuovi mozzi ZIPP 88/188v10 rappresentano un'evoluzione dei mozzi 88/188v grazie all'utilizzo di cuscinetti prevaricati e grazie alla raggiatura in terza dei raggi Sapim CXRay. I cuscinetti sono ceramici e  non necessitano di nessun rodaggio e di nessuna regiolazione.
 
Showstopper è un processo costruttivo che consiste nell'applicazione di uno strato superficiale di carbuiro di silicio per migliorare la frenata delle ZIPP404 Firestrike anche in condizioni atmosferiche avverse. Sul bagnato le performance di frenata sono addirittura miglori dei tradizionali cerchi in alluminio. La tecnologia ABLC uniforma il flusso dell'aria eliminando la formazione di piccoli vortici , anche nelle giornate più ventose.
La grafica Impress consente di ridurre il peso e crea una impronta unica e durevole delle grafiche.
La coppia di rute ant e post pesa 1620g
Le nuove ZIPP 404 Firestrike per clincher sono in vendita da MOTUS. Per migliori dettagli tecnici e per acquistarle online CLICCA QUI
ruote-zipp-404-firestrike-carbon-clincherruote-zipp-404-firestrike-carbon-clincher

IL CONTROLLO DEL CARICO DI ALLENAMENTO

Il sovrallenamento (overtraining) – definizione

Il sovrallenamento è stato definito, da diversi autori, come

 

  • "uno squilibrio tra allenamenti, competizioni e tempi di recupero", ossia un eccesso di allenamenti e di gare, associato a tempi di recupero insufficienti

 

  • “condizione nella quale la somma degli effetti biologici negativi provocati da allenamenti troppo intensi e/o gare ravvicinate si traduce in una incompleta rigenerazione funzionale di tutti i sistemi cellulari"

 

  • termine generale indicante che l’individuo è stato sottoposto a stress, derivanti dall’allenamento e da altri eventi estranei (es. stile di vita), al punto da non essere in grado di esprimere una prestazione di livello ottimale dopo un appropriato periodo di rigenerazione; per una diagnosi di sovrallenamento è necessaria una caduta della prestazione

 

Kuipers definisce l'overtraining come uno squilibrio tra allenamento e recupero provocante una disfunzione del sistema neuroendocrino a livello ipotalamico. 
Fry, parla di un abnorme aumento del volume o dell'intensità d'allenamento con decremento della performance. Furono soprattutto Fry et coll. a mettere l’accento sul fatto che è indispensabile il riscontro di un calo prestativo, in aggiunta agli altri elementi, per potere affermare che un atleta si trova in una situazione di sovrallenamento.

 

Definizione del problema

In merito agli elementi della struttura dell’allenamento che favoriscono l’insorgenza del sovrallenamento, si è portati a ritenere che incida maggiormente il volume di lavoro (specie quello caratterizzato da intensità relativamente elevate), rispetto all’intensità di per sé. Infatti l’elevazione del volume allenante porta come conseguenza una contrazione delle giornate dedicate al recupero

Il rischio di overtraining, tuttavia, è soprattutto in relazione con gli squilibri tra i rapporti di carico e scarico nel programma d’allenamento
Infatti, forti carichi di lavoro possono essere tollerati anche per lunghi periodi di tempo senza arrivare all' overtraining applicando i corretti principi dell’alternanza del carico. Il termine "sovrallenamento" è tuttora discusso e alcuni lo ritengono improprio, in quanto indicherebbe che la causa del calo prestativo debba essere ricercata esclusivamente nell’ eccessiva quantità dei carichi allenanti. In realtà, si è potuto osservare che le cause dello scarso rendimento sono molteplici e non correlate esclusivamente a errori nella pianificazione degli allenamenti

Non esiste una netta demarcazione tra la normale fatica risultante dall’allenamento e il sovrallenamento (overtraining); vi è tuttavia una fase intermedia, rappresentata dal sovraffaticamento (overreaching o sovrallenamento a breve termine). Una delle caratteristiche che distinguono il sovrallenamento a breve termine da quello a lungo termine, è la constatazione che dal primo, dopo un adeguato recupero, è possibile ottenere dei miglioramenti prestativi, mentre una volta incorsi nel secondo, l’unica via di uscita è una fase di recupero che si protragga per diverse settimane, la quale non comporterà comunque miglioramenti della performance, bensì la necessità di ripartire da una bassa condizione fisica.

 

stato di fatica stress da allenamento 

Dopo alcuni allenamenti pesanti per intensità e durata, è fisiologico che compaia uno stato di fatica, di stress; se vengono rispettati i tempi di recupero, la fatica scompare e la supercompensazione favorisce il ripristino e, anzi, il miglioramento delle capacità prestative. In tal senso sono sufficienti uno o due giorni di recupero o, al massimo, un periodo di sette giorni (microciclo di scarico o rigenerazione), in cui vengono effettuati allenamenti di scarico blandi perché la sintomatologia scompaia. Siamo all’interno di un normale andamento dei processi adattativi dell’organismo sottoposto a un programma di allenamento.

Sovrallenamento o Overtraining        

Quando l’atleta viene esposto acutamente ad allenamenti estenuanti, a competizioni ripetute e, non di meno, ad altri tipi di stress (ambiente lavorativo e familiare) tanto da non essere più in grado di esprimersi a livelli di rendimento ottimali, nemmeno dopo un appropriato periodo di scarico e di recupero, allora è giusto parlare di sovrallenamento o di "overtraining". Va sottolineato che, per poter diagnosticare con sicurezza uno stato di sovrallenamento, è indispensabile documentare un calo delle capacità prestative. Nell’ambito del sovrallenamento, occorre poi distinguere due diverse forme: il sovrallenamento a breve termine (short-term overtraining) o "overreaching" e il sovrallenamento a lungo termine (long-term overtraining) o "overtraining sindrome".
 

 

Overreaching (short-term overtraining)

 

definizione

Transitoria riduzione delle capacità prestative, la cui durata abbraccia un periodo di tempo relativamente breve (da alcuni  giorni fino a due settimane) L’atleta avverte uno stato di fatica superiore a quello che dovrebbe derivare da un normale carico allenante e non va confuso con le normali fluttuazioni prestative che si verificano nell’atleta di giorno in giorno, tuttavia la fatica può essere smaltita con un adeguato recupero e ciò non compromette i processi di supercompensazione. Si traduce in una riduzione o mancato incremento della capacità di prestazione intorno alle 4mML di lattato

 

caratteristiche

A volte tale situazione viene espressamente ricercata dagli allenatori che la ritengono una componente normale dell’allenamento, specie se indirizzato alla ricerca di adattamenti massimi in funzione di una competizione. Alla base dell’overreaching sembra esservi una fatica di tipo "periferico" e, quindi, più tipicamente muscolare. Qualora una prestazione negativa, dovuta a uno stato di overreaching, non venisse riconosciuta immediatamente, l’allenatore potrebbe essere indotto ad aumentare ancora i carichi di lavoro, con l’intento di compensare il gap prestativo: in tal caso il risultato sarà di peggiorare la situazione, facendo scivolare l’atleta verso l’ "overtraining sindrome". Quella dell’overreaching è pertanto una fase molto delicata, che deve essere riconosciuta onde evitare il rischio di peggiorare il quadro. 
 

Overtraining sindrome (long-term overtraining)

 

definizione

sindrome caratterizzata da uno stato di esaurimento psicofisico di tipo cronico (prolungata nel tempo), che si associa a un calo della "performance" associata a sintomi di tipo

  • organico (senso di fatica sia a riposo che in esercizio, stasi della capacità d’adattamento, riduzione della capacità di prestazione intorno alle 4mML di lattato)
  • muscolare (dolenzia, faticabilità eccessiva),
  • psichico (sbalzi del tono dell’umore, inappetenza, disturbi del sonno, diminuzione della motivazione)

La prognosi è più severa: tale sindrome può durare settimane o mesi

caratteristiche

Una volta instauratasi, a differenza dell’overreaching, compromette i processi di supercompensazione. L’atleta appare svuotato, demotivato e nell’assoluta impossibilità di reagire positivamente agli stimoli indotti dall’allenamento. Implica uno stato di fatica di tipo "centrale", caratterizzata da alterazioni delle capacità di concentrazione e di motivazione.

Nell’ ambito dell’ overtraining vanno differenziate due forme:

 

overtraining di tipo "simpatico"

caratterizzato da un’aumentata attività, in condizioni di riposo, del sistema nervoso simpatico, che implica accelerazione del battito cardiaco, eccitazione e irrequietezza. È più frequente negli sport a prevalente componente esplosiva, quindi di tipo anaerobico, e colpisce più frequentemente gli atleti giovani.

Nel determinarlo, agli stress indotti dall’allenamento, si uniscono fattori socio-lavorativi ed ambientali. Riveste notevole importanza, nel determinismo della forma simpatica, anche la monotonia legata agli allenamenti.

 

Sintomi caratteristici del sovrallenamento a dominanza “simpatica”

a livello prestativo

  • calo della performance
  • diminuzione della forza
  • diminuzione della potenza massima
  • fatica generalizzata
  • difficoltà di recupero

a livello cardiocircolatorio

  • aumento della frequenza cardiaca a riposo
  • aumento della pressione sanguigna a riposo
  • rallentamento della velocità di recupero della fc al termine di un carico

a livello antropometrico

  • diminuzione della massa corporea, associata a perdita di grasso corporeo eo a bilancio azotato negativo (calo tessuto muscolare)

a livello immunologico

  • aumento della suscettibilità alle infezioni ed alle malattie, con modificazioni dei profili ematici immunologici
  • riattivazione di herpes virali

a livello emotivo e comportamentale

  • demotivazione nei confronti dell’allenamento e della competizione
  • disturbi del sonno
  • instabilità emotiva
  • diminuzione dell’appetito
  • apatia e senso di depressione
  • difficoltà di concentrazione

Si tratta di una serie molto vasta di sintomi che, tuttavia, quando compaiono singolarmente, se non accompagnati da calo della performance, non possono essere imputati ad una situazione di sovrallenamento

 

 

overtraining di tipo "parasimpatico"

caratterizzato da una soppressione dell’attività del simpatico e non da una vera e propria dominanza del parasimpatico. Ne deriva un tipico atteggiamento apatico e depresso (ridotta pressione sanguigna, ridotta fc a riposo, facilità nel sonno e nel riposo). Si riscontra prevalentemente negli sport di resistenza aerobici e nei soggetti più anziani ed è più difficile da individuare, perché i sintomi sono meno eclatanti e allarmanti.

Il soggetto, infatti, si presenta in condizioni di buona salute, senza insonnia (piuttosto con la tendenza a dormire di più) senza perdite di peso e con appetito normale.
E’ la forma più ingannevole: è infatti caratterizzata da una serie di elementi che facilmente potrebbero essere confusi con le modificazioni positive indotte dall’allenamento (per esempio, una più bassa frequenza cardiaca a riposo e un più rapido recupero della frequenza cardiaca stessa dopo sforzo)

 

Sintomi caratteristici del sovrallenamento a dominanza “parasimpatica”

  • abbassamento della fc a riposo
  • più rapido recupero della fc al termine dello sforzo
  • decremento della concentrazione di lattato a carichi submassimali
  • decremento della produzione di lattato durante esercizio
  • diminuzione livelli plasmatici di adrenalina e noradrenalina al termine di sforzo incrementale condotto fino a livelli massimali
  • facilità d’affaticamento
  • ipoglicemia durante esercizio
  • comportamento flemmatico o depresso

 


Diagnosi di Overtraining - markers per la diagnosi precoce e preventiva


Non esiste  “il test” o “il marker” che rivela lo stato di sovrallenamento; per un sicuro riconoscimento del problema, occorre incrociare diverse informazioni, riguardanti innanzitutto il livello prestativo del soggetto ( non si può parlare di sovrallenamento se la prestazione non è peggiorata), quindi parametri ematochimici e psicologici. L’alterazione di alcuni importanti parametri, insieme ai segni e ai sintomi della sindrome, possono rendere più facile la diagnosi di overtraining.

L’elemento centrale della sindrome è naturalmente la riduzione della "performance", che dovrebbe essere quantificata attraverso il ricorso a test funzionali più o meno complessi e precisi (determinazione del massimo consumo di ossigeno, della massima produzione di lattato, ecc.), ma che spesso appare chiara già dalla semplice analisi dei risultati ottenuti nelle gare o dal comportamento dell’atleta.

Per facilitare la diagnosi sono stati proposti e utilizzati numerosi indicatori biochimico-umorali, tuttavia la sensazione generale è che nessuno di questi indicatori da solo è in grado di consentire una diagnosi di certezza, e per tale motivo, essa deve scaturire da un’analisi complessiva dello stato psicofisico dell’atleta e da una corretta interpretazione di tutti i parametri funzionali ed ematochimici disponibili. Quando i segni di OT si rendono evidenti è già troppo tardi, per cui è necessario prevenirli.

Gli studi fatti per identificare markers in grado di monitorare precocemente la sindrome sono numerosi e spesso contrastanti ma emergono alcuni aspetti di particolare interesse che di seguito vengono trattati

Glutamina

E’ noto che il sistema immunitario prende parte importante nel meccanismo d’insorgenza del sovrallenamento. L’atleta sovrallenato può subire una significativa diminuzione delle difese immunitarie, responsabili di una maggiore vulnerabilità alle infezioni, particolarmente delle prime vie respiratorie. Fra le ipotesi di depressione del sistema immunitario vi è una diminuzione "da consumo" dei livelli ematici di glutamina, amminoacido essenziale per le sintesi proteiche che avvengono all’interno del sistema immunitario. 
È interessante notare che il calo della glutamina si verifica solo per sforzi esaustivi e prolungati (es. maratona), e non per esercizi anche intensi, ma di durata minore. Mackinnon e Parry-Billings hanno studiato a fondo la cinetica della glutamina notando che durante l'esercizio gli aminoacidi, glutamina compresa, aumentano in circolo dal 30 fino al 300 %. 
Va tenuta presente la funzione tampone degli aminoacidi (in particolare dell’alanina) così come il ruolo energetico del glutamato che può essere trasformato in succinato ed entrare nel ciclo di Krebs. 
Durante l'esercizio fisico i livelli plasmatici di glutamina aumentano per poi diminuire durante il riposo e tornare al livello pre-esercizio dopo qualche ora. 
In condizioni di stress la glutamina diminuisce soprattutto nel muscolo scheletrico. 
Nell'OT la glutamina sembra significativamente diminuita e a questo deficit viene attribuito l'aumento della frequenza delle infezioni delle vie respiratorie. 
 
Eccitabilità Neuromuscolare 
Lehmann  indica la ridotta eccitabilità neuromuscolare (NME) come marker di OT. 
La minima corrente pulsata rettangolare in grado di generare una singola contrazione muscolare (con differenti valori di durata della pulsazione) viene indicata come indice della eccitabilità neuromuscolare (NME ) La NME è migliore nel soggetto ben allenato mentre deteriora notevolmente nelle prime fasi dell'OT; infine, dopo due settimane di riposo (rigenerazione dell'OT), mentre la NME ritorna ai livelli normali, i sintomi dell'OT permangono. Quindi la NME può essere un marker di inizio dell'OT , ma non del ripristino della condizione fisiologica. 

 

Ferro e ferritina
La ferritina è  un indice della consistenza dei depositi del ferro nell’organismo. Quando il ferro viene consumato in grande misura per un aumentato fabbisogno in relazione ai carichi di allenamento o per aumento delle perdite con la sudorazione, è necessario che le riserve contenute nei depositi vengano ricostituite rapidamente. La carenza di ferro nel sangue e nei depositi può essere determinata, oltre che da un aumento dei consumi, anche da un insufficiente apporto con la dieta o da una scarsa assimilazione attraverso il tubo digerente. È consolidata la convinzione che livelli soddisfacenti del ferro nel sangue (sideremia) e nei depositi (ferritinemia) consentano migliori prestazioni atletiche, anche perché mantengono elevata la concentrazione dell’emoglobina. Non è provato il contrario, ma è pur vero che atleti che manifestano un calo delle prestazioni presentano, a volte, un metabolismo del ferro deficitario. Anche un aumento dei valori della ferritina, e non solo un calo, potrebbe rappresentare un marker di uno stato di affaticamento, in quanto una significativa elevazione del valore di questo parametro si riscontra nel corso di malattie infiammatorie o di malattie infettive. 

 

Emoglobina ed ematocrito
L’emodiluizione, causata dall’espansione del volume del plasma, conduce inevitabilmente a una diminuzione dei valori di concentrazione dell’ematocrito e dell’emoglobina. In realtà, non si registra una vera e propria diminuzione della parte corpuscolata del sangue (globuli rossi, bianchi e piastrine), ma solo una sua diluizione. L’espansione del volume plasmatico, che determina l’emodiluizione, rappresenta un adattamento positivo tipico delle attività sportive di tipo aerobico come il ciclismo, e il calo dei valori di concentrazione dell’ematocrito e dell’emoglobina non comporta un calo delle "performance", almeno fino a quando non si associno anche deficienze di ferro, distruzione dei globuli rossi durante esercizio fisico (emolisi) e disturbi della formazione dei globuli rossi da parte del midollo osseo. In tal caso si instaura un’anemia che dallo stato prelatente può passare al latente e, infine, all’anemia conclamata. 

Peso corporeo
Nel pieno della stagione agonistica, oltre al massimo livello di prestazione, si raggiunge la stabilità del peso ponderale. Tutto il lavoro svolto in precedenza ci ha infatti consentito di abbassare la percentuale di grasso fino ai livelli minimi individuali, mantenendo tuttavia inalterati i valori di massa magra (la percentuale di muscolo). Quindi, in questo momento dell’anno, un calo del peso corporeo può essere indice di una riduzione della massa muscolare probabilmente derivata da un eccessivo carico di lavoro. Ecco la necessità di controllare periodicamente, almeno ogni due-tre giorni il nostro peso, nelle medesime condizioni (la mattina appena alzati) per verificare se ci sono variazioni significative. 

Frequenza cardiaca
Un altro importante campanello di allarme della sindrome da sovrallenamento è l’andamento della frequenza cardiaca, sia a riposo che sotto sforzo.
Se  riscontriamo che, nei giorni successivi a uno sforzo intenso, la frequenza cardiaca a riposo è superiore rispetto a quella normale di questo periodo, dobbiamo sospettare un inizio di overtraining. Jeukendrup nel corso di uno studio effettuato su ciclisti professionisti mette in rilievo un significativo aumento della frequenza cardiaca nel sonno in corso di overreaching. Tale osservazione  necessita di ulteriore convalida, dato il numero ristretto (7 atleti) del campione soggetto della ricerca. 
Anche sotto sforzo, la frequenza cardiaca può dare segnali importanti per evitare l’affaticamento. Può accadere che, seguendo una tabella di allenamento impostata con ritmi individuali definiti proprio dalla frequenza cardiaca, non riusciamo, pur correndo o spingendo rapporti impegnativi e andando a una velocità elevata, a innalzare i battiti del cuore fino ai valori richiesti dalla tabella. È come se il nostro cuore perdesse la propria brillantezza, probabilmente a causa di uno scarso recupero nei giorni precedenti, oppure perché l’uscita di allenamento risulta troppo impegnativa per le nostre capacità. In una simile situazione è importante interrompere il programma previsto ed optare per un’uscita ad andatura costante non troppo impegnativa.

 

Altri sintomi
Innanzitutto il dolore muscolare e la spossatezza generale, sensazioni che permangono anche a riposo. Questi sintomi sono accompagnati da una riduzione dell’appetito e della quantità (numero di ore) e della qualità del sonno. L’indolenzimento degli arti e la debolezza sono derivati da una forte carenza di alcune sostanze essenziali per la prestazione sportiva, come il ferro, i sali minerali (in particolare il potassio), gli zuccheri (glicogeno muscolare) e le proteine. Questa condizione viene aggravata dal fatto che, a causa della inappetenza, andiamo a ridurre la possibilità di reintegrare proprio quelle sostanze di cui avremmo bisogno. Il malessere diffuso provocato dalla stanchezza generale comporta un sonno breve e agitato, che va a scapito delle possibilità di recupero dell’organismo.

 

Overtraining e sistema ormonale

 

Catecolamine urinarie 
 

Mackinnon durante uno studio eseguito su 24 campioni di nuoto rileva che, nel corso di programmi di allenamento intensi ma di breve durata, la comparsa di OT può essere segnalata da una diminuzione del livello urinario delle catecolamine (già 2 - 4 settimane prima della comparsa dei sintomi di OT ). 
Alle stesse conclusioni era giunto in precedenza Lehmann che aveva notato una diminuita escrezione notturna di catecolamine correlata ad un esaurimento del sistema simpatico. Hooper, pur confermando la diminuita escrezione urinaria di catecolamine in corso di OT, nega il significato di esaurimento del sistema adrenergico in quanto i livelli ematici di catecolamine permangono normali o aumentati. 

 

Testosterone e cortisolo
 

Un altro apparato che viene a essere interessato in caso di "overtraining" è sicuramente quello endocrino. L’aspetto più noto e studiato è quello riguardante l’equilibrio tra i livelli di cortisolo e di testosterone. Il cortisolo, considerato come espressione tipica della risposta allo stress, è un ormone con funzioni prevalentemente cataboliche, mentre il testosterone ha funzioni essenzialmente anaboliche. Il rapporto testosterone (totale o libero)/cortisolo viene considerato un indice indiretto del bilancio "proteico" dell’organismo e in particolare dei muscoli scheletrici. Secondo la maggioranza degli autori, uno spostamento in senso catabolico, indicato da un aumento del cortisolo e/o da una riduzione del testosterone, dovrebbe essere considerato un indice affidabile di sovrallenamento o quantomeno di un incompleto recupero dalla fatica. Adlercreutz e coll. ipotizzarono che una diminuzione del rapporto testosterone libero/cortisolo superiore al 30% rispetto alla norma del soggetto avrebbe potuto essere rilevatrice di una situazione di sovrallenamento. Secondo le osservazioni più recenti, invece, tale rapporto sembrerebbe più indicativo dello stato contingente di sopportazione del carico di lavoro, che potenziale marker di una sindrome da sovrallenamento propriamente detta

 

Overtraining e  sistema immunitario

La disfunzione del sistema immunitario può non consentire il buon costituirsi della protezione contro sostanze estranee patogene (stato di immunodeficienza), ma anche essere a sua volta una causa di malattia; si vengono così a riconoscere le malattie autoimmuni quando l'organismo reagisce contro il "self" con manifestazioni sistemiche (es.collagenopatie, cioè le malattie del tessuto connettivo) o patologie d'organo (es. nefropatie, neuropatie ecc.), le malattie iperergiche (allergopatie), nonché le neoplasie dello stesso sistema immunitario (le malattie immunoproliferative).

 Negli ultimi anni un certo numero di Autori ha indagato anche le funzioni immunitarie degli atleti, interessandosi soprattutto alle alterazioni che si verificano subito dopo lo sforzo fisico intenso. Sebbene la competizione sportiva sia stata tradizionalmente considerata come una condizione recante benefici alla salute, gli studi condotti dimostrano che almeno per quanto riguarda il sistema immunitario i dati fin qui raccolti non orientano sempre in questo senso.

Infatti si assiste, in quasi tutti i test eseguiti, alla comparsa dopo la prestazione sportiva di un quadro che ricorda quello delle immunodeficienze; tale condizione è sicuramente transitoria perché l'assetto immunitario è generalmente normale negli atleti a riposo.

Esiste un aspetto che gli allenatori ben conoscono: quello della ridotta efficienza atletica dei soggetti “superallenati” che accusano un'aumentata suscettibilità alle infezioni.

Questo ragionamento focalizza il problema dell'influenza dell'attività sportiva sul sistema immunitario; una buona difesa immunitaria rende un atleta meno suscettibile ai processi infettivi, così come una valida costituzione fisica rende meno probabili gli incidenti muscolo-scheletrici.

È evidente che i processi infettivi sono nocivi non solo nell'imminenza delle competizioni, ma anche durante la fase di preparazione, perché alterano un programma di lavoro accuratamente preparato per mesi o addirittura per anni, come avviene nel caso dei Giochi Olimpici.

Sono stati condotti numerosi studi sulla risposta del sistema immunitario allo sforzo fisico, senza che questi però abbiano avuto criteri di omogeneità e riproducibilità. Molte variabili infatti interferiscono su indagini di questa natura: in primo luogo il tipo di sforzo fatto praticare per caratteristiche di intensità, durata e vie metaboliche utilizzate; inoltre, è diverso il valore di una prestazione fisica se effettuata da un soggetto non allenato, da un praticante o da un atleta di livello internazionale. Un'ultima considerazione riguarda anche le tecniche immunologiche utilizzate nello studio, che sono state spesso diverse e legate anche al tumultuoso evolversi che queste hanno avuto negli ultimi anni.

Le manifestazioni cliniche possono essere rappresentate da infezioni di varia natura per lo più virali, da forme banali quali quelle erpetiche, a malattie delle prime vie respiratorie, tonsilliti, gastroenteriti, fino a forme più gravi, talvolta etichettate come "febbre ghiandolare", ma riconducibili a malattie quale la toxoplasmosi.

In tutti gli studi è comparsa, immediatamente dopo lo sforzo fisico, leucocitosi coinvolgente tutte le subpopolazioni cellulari, comprese quelle linfocitarie

La maggior parte dei ricercatori concorda nel rilevare un aumento più spiccato dei linfociti CD8 ("suppressor"), rispetto a quelli ai CD4 ("helper"); questo determina una riduzione del rapporto CD4+/CD8+ che rappresenta un primo segno di squilibrio immunitario.

Anche le cellule "natural killer" (NK) sembrano essere modificate dall'esercizio fisico con aumento delle cellule del fenotipo CD16 e una alterata attività funzionale; sembra che l'attività NK raggiunga un massimo immediatamente dopo l'esercizio fisico, si riduca dopo due ore e non si sia ancora normalizzata dopo venti ore.

Alcuni Autori sostengono addirittura che l'attività sportiva protratta a lungo deprima l'immunità aspecifica, rendendo così chi ha praticato a lungo sport, come chi ha fatto attività agonistica per anni, più suscettibile alle infezioni.

Del resto in molti atleti di primo piano, anche il livello di immunoglobuline-G circolanti sembra essere più basso alla fine della stagione agonistica rispetto all'inizio.

Alcuni ricercatori polacchi sostengono che la maggior parte dei parametri immunologici si rinormalizzerebbe nel giro di due ore, ma gli studi sul tempo di recupero attualmente sono pochi. In altri lavori non sono state riportate alterazioni a carico delle subpopolazioni linfocitarie a distanza di 24 e 72 ore dalla prestazione fisica

 

La fase in cui il sistema immunitario è più vulnerabile è quella immediatamente seguente alla prestazione fisica

Durante lo sforzo fisico una grande quantità di ormoni e mediatori sono liberati, per cui non è facile risalire ai meccanismi con cui essi interagiscono; lo stesso tipo di metabolismo coinvolto, aerobico o anaerobico lattacido, potrebbe avere influenza sul grado di coinvolgimento sul sistema immunitario.

I tre fattori classicamente ritenuti responsabili della leucocitosi, emoconcentrazione per perdita di liquidi extracellulari, secrezione di catecolamine e incremento dei livelli sierici di cortisolo, appaiono essere abbastanza restrittivi.

Importanti sono anche i neuropeptidi, visto che lo stress psichico intenso può determinare modificazioni immunologiche simili ed evolvere in forme larvate di immunodeficienza.

Negli atleti ad alto livello i due meccanismi di stress fisico e psichico possono coesistere; questa ipotesi sembrerebbe avvalorata anche dalle osservazioni di alcuni ricercatori che hanno rilevato una maggiore alterazione nei parametri immunologici dei soggetti a più elevato rendimento agonistico.

Tutto questo fa comunque pensare che la patogenesi delle modificazioni immunologiche indotte dall'esercizio fisico non è monofattoriale, ma legata allo sbilanciamento di quei fattori, stimolanti ed inibenti, che regolano nel suo insieme la risposta immunitaria.

Molto poco sappiamo sui meccanismi con cui questo si realizza. Appare comunque consigliabile aggiungere ai controlli che si eseguono nel corso della pratica sportiva, specie negli atleti a più elevato livello competitivo, anche una valutazione delle funzioni immunitarie in modo da modulare la preparazione anche in funzione di una prevenzione di quelle manifestazioni infettive che pur essendo nella maggior parte dei casi banali, spesso impediscono al soggetto di fornire la miglior prestazione agonistica nel momento in cui questa è stata prefissata.

(a cura di Costantino Bertucelli - da www.trainingteam.it)

PRENOTA IL NUOVO GPS GARMIN FORERUNNER 920XT

Prenotalo da MOTUS inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Smart GPS sport watch con schermo a colori, per il triathlon e le discipline multisport. Dispone di funzioni avanzate come l'analisi delle dinamiche di corsa, contapassi giornaliero, banda motivazionale, monitoraggio del sonno e funzioni di connettività via Smart Notification
Vuoi essere il primo a ricevere Forerunner 920XT, il nuovo GPS watch di Garmin per il multisport?

Compila il modulo di prenotazione e appena il nuovo Forerunner 920XT sarà disponibile verrai avvisato tramite email e potrai completare l'acquisto on-line e riceverlo senza spese di spedizione.

Prenota subito

Arriva da Garmin, l’azienda che ha lanciato i primi GPS sport watch per il triathlon e le discipline multisport, un orologio GPS avanzato per guidare nell'allenamento gli atleti professionisti e amatoriali. Si tratta del Forerunner 920XT, con funzioni altamente avanzate che include le nuove dinamiche di corsa, la stima del VO2max, il rilevamento in tempo reale con la funzione Live Track, le Smart Notification, la registrazione passi giornalieri, il monitoraggio del sonno, la banda motivazionale al movimento e il consumo calorico quotidiano.

L'allenamento avanzato incontra il rilevamento delle attività di tutti i giorni

Forerunner 920XT include una serie d’importanti funzioni di allenamento in un orologio sportivo e facile da indossare sotto la muta perché è il 18% più sottile e il 15% più leggero del suo predecessore, Forerunner 910XT. È dotato di uno schermo a colori ad alta risoluzione e può essere indossato ogni giorno perché se non usato in allenamento diventa un orologio sportivo da polso. Diventa anche una fitness band: misura i passi e le calorie bruciate durante il giorno, fornendoti un quadro più completo della tua attività giornaliera.

Tuffati

Se ti stai allenando in piscina o in acque libere, Forerunner 920XT acquisisce metriche di nuoto dettagliate, che includono distanza, passo, numero di bracciate, frequenza delle bracciate, punteggio SWOLF e tanto altro. La funzione di registrazione degli esercizi consente di registrare in modo semplice gli allenamenti di nuoto includendo le fasi di riposo. Usa gli avvisi sul tempo per aiutarti a tenere il passo o gli avvisi sulla distanza per sapere quando termina una serie e per cominciarne una nuova. Sono anche disponibili avvisi per il consumo calorico e per la frequenza delle bracciate da impostare direttamente sul dispositivo.

Intensifica il tuo allenamento in bici

Il 920XT è compatibile con i sensori di velocità, cadenza e frequenza cardiaca per fornire funzionalità di allenamento avanzate per le tue sessioni. Puoi anche visualizzare le metriche della potenza quando è associato a uno dei prodotti della linea Vector® a sensore singolo o doppio.

Se ti alleni con una fascia cardio HRM-Run ed un Vector, associati al 920XT, potrai ottenere una valutazione del tuo VO2Max molto precisa. Un'altra funzione che consente di confrontarti con gli altri sono i segmenti di Garmin Connect. Una volta terminata la corsa e caricata su Garmin Connect, puoi visualizzare la tua posizione nella classifica del segmento, in modo da sfidare te stesso durante l’arco della tua preparazione su specifici punti chiave.

Migliora la qualità della tua corsa

Il primo ad includere i dati delle dinamiche di corsa per un GPS watch per multisport. Basato sulla stessa tecnologia disponibile sul Forerunner 620 e sul fēnix® 2, il 920XT ti consente di allenarti per ottimizzare la qualità della corsa quando viene utilizzato con una fascia HRM-Run. Questa associazione consente al 920XT di misurare la cadenza (passi totali al minuto), l'oscillazione verticale del busto (altezza del “rimbalzo” in centimetri durante la falcata) e il tempo di contatto con il suolo (quanto tempo il piede resta a terra durante ogni rullata, misurato in millisecondi). È inoltre dotato di un innovativo metronomo da polso (segnali con toni e vibrazioni) che si può impostare in base al ritmo di corsa che si intende intraprendere.

Funzioni avanzate e frequenza cardiaca

Quando viene utilizzato con una fascia cardio (standard o HRM-Run di Garmin), il Forerunner 920XT offre funzioni aggiuntive in grado di calcolare il tuo stato di recupero e il potenziale di gara. La prima è un controllo del recupero, ovvero un'indicazione in tempo reale del tuo stato nei primi minuti di un'attività aerobica. Dopo l'attività, il 920XT fornisce un tempo di riposo che indica quanto tempo deve passare prima di potersi cimentare in un altro sforzo impegnativo. Il 920XT è anche in grado di fornire una stima del tuo VO2max per la corsa quando viene utilizzato con una fascia cardio HRM-Run e per il ciclismo quando, oltre alla fascia cardio viene utilizzato anche un sensore di potenza Vector.

Garmin Connect e Smart Notification

Ora gli allenamenti combinati e le attività di gara possono essere visualizzati in modo completamente nuovo in Garmin Connect, la nostra community online gratuita in cui puoi salvare, pianificare e condividere i tuoi sforzi. Quando completi un'attività utilizzando un profilo di attività triathlon o multisport sul tuo dispositivo, ogni tappa intermedia ed i tempi di transizione vengono memorizzati in un unico file combinato per l'analisi, consentendoti di accedere ai dati dettagliati di ciascuna frazione intrapresa.

È possibile sincronizzare i dati con Garmin Connect in diversi modi. Il 920XT può trasferire i dati tramite l'app Garmin Connect™ Mobile sullo smartphone mediante la tecnologia Bluetooth®. Puoi anche configurare uno o più hotspot Wi-Fi® e il 920XT si sincronizzerà automaticamente con Garmin Connect quando si trova nell'area di copertura wireless per scaricare i tuoi dati senza neanche accorgertene. Oppure è possibile eseguire la sincronizzazione con il desktop tramite una connessione USB.

Associa il 920XT allo smartphone e all'app Garmin Connect Mobile per usufruire di ulteriori funzionalità, che possono aiutarti a rimanere connesso durante i tuoi allenamenti. Associando il 920XT allo smartphone e all'app Garmin Connect Mobile potrai usufruire di ulteriori funzionalità, come il Live Track che ti consente di essere seguito da remoto dal tuo allenatore, amici e parenti per la visualizzazione della tua posizione su una mappa dettagliata, con la possibilità di mostrare la velocità istantanea e media e con gli accessori associati al 920xt anche la frequenza cardiaca, la cadenza e la potenza registrata con il misuratore di potenza Vector.

Le Smart Notification consentono di visualizzare e-mail, messaggi push, SMS e altri avvisi GPS sport watch quando questo è associato al tuo dispositivo Android o Apple® compatibile. Quando il 920XT è associato al telefono e all'app Garmin Connect Mobile, gli allenamenti completati vengono caricati immediatamente. Ti basterà tenerlo in tasca durante un’uscita in bici o una corsa per ricevere costantemente le notifiche in tempo reale.


¹ Se utilizzato con una fascia HRM-Run™; inclusa in alcuni modelli, venduta separatamente in altri.
² Se utilizzato con una fascia cardio.
³ Compatibile con i telefoni Bluetooth® Smart Ready. con software dalla versione 4.1 con BLE in poi per Android e dalla versione 4s in poi per iOS. I dispositivi Android e iOS devono utilizzare l'app Garmin Connect Mobile per attivare le Smart Notifications.
Se associato al dispositivo Android o Apple e a Garmin Connect Mobile.

LAMPADA FRONTALE NAO PER IL TUO TRAIL RUNNING

La lampada frontale NAO fa parte della linea performance di PETZL, azienda specializzata nella tecnologia dell'illuminazione per lo sport, per le attività outdoor e per le attività professionali. La lampada fontale NAO è molto indicata per trail running e per ogni attività outdoor in cui la mobilità e la velocità di spostamento sono considerevoli. La NAO adatta immediatamente e automaticamente i suoi due Led di elevate prestazioni in base alle esigenze d’illuminazione per maggiore comfort, ridotti interventi manuali e maggiore autonomia. NAO è la prima lampada frontale Petzl con tecnologia REACTIVE LIGHTING: un sensore misura e analizza la quantità di luminosità percepita. La fascia elastica Zéphyr è regolabile, e rende molto stabile la lampada in fase di utilizzo. Disponibile anche il Kit cintura NAO (E36R10) in opzione, per spostare la batteria ricaricabile sulla cintura e ridurre il peso sulla testa o tenere la batteria ricaricabile al caldo in inverno.
DI SEGUITO UN VIDEO CHE ILLUSTRA AL MEGLIO LE CARATTERISTICHE DI QUESTA LAMPADA FRONTALE.
Puoi acquistare la lampada frontale PETZL NAO direttamente su www.motusport.itCLICCANDO QUI
 

NUOVI CASCHI CICLISMO GIRO : SYNTHE E AIR ATTACK SHIELD

Prossimamente in arrivo da MOTUS due nuovi modelli di caschi bike della ditta GIRO. Nella nuova collezione 2015 di GIRO, il casco da strada SYNTHE ed il casco con visiera AIR ATTACK SHIELD. Il casco SYNTHE, adatto per il ciclismo su strada, è un modello del tutto nuovo, Realizzato in tre misure il SYNTHE pesa 234g ed è stato progettato in galleria del vento per garantire ottime doti di aerodinamica. E' dotato del sistema di chiusura PLUS ROC AIR. Quattro le colorazioni disponibili del SYNTHE. E' il casco utilizzato dalla squadra BMC Pro Cycling.
Preso in vendita anche i modelli AIR ATTACK SHIELD , i caschi integrali dotati di visiera removibile con attacchi magnetici. Oramai conosciuti ed apprezzati da moltissimi ciclisti , i caschi AIR ATTACK SHIELD sono realizzati in 4 nuove colorazioni più una colorazione in edizione limitata. Anche per questo modello tre le misure disponibili
Di seguito i video che illustrano le caratteristiche tecniche questi due caschi di casa GIRO. Acquista i caschi da ciclismo GIRO online : cllicca qui
 
 

COME INDOSSARE E TOGLIERE LA MUTA TRIATHLON - VERONICA SIGNORINI

Ecco un video che illustra in modo semplice come indossare e come togliere di dosso una muta triathlon. Ce lo spiega Veronica Signorini , atleta del Triathlon Cremona Stradivari. Veronica indossa mute 2XU, le stesse che poi trovare online su www.motusport.it. Buona visione
 
 

SCARPA ZOOT SOLANA : RECENSIONE PRODOTTO BY STEFANO LA CARA STRONG

Quando dici Zoot la prima cosa che ti viene in mente è il triathlon.
E' una di quelle aziende specializzate sulla triplice con cui ci si identifica.
Se stai in giro, anche fuori da un contesto sportivo, se vedi un tizio con addosso roba Zoot cominci a studiarlo di nascosto per cercare di capire chi è e, soprattutto, che tempi ha.

La [Zoot] mi ha dato l'opportunità di provare alcuni prodotti e la cosa, oltre che onorarmi, mi fa davvero piacere.

Piacere e sorpresa nel provare la Solana.
Certo, con il nome, vista l'assonanza romana, potevano far meglio, ma l'azienda è americana, e a questa similitudine non è che ci abbia (naturalmente) fatto molto caso...

La scarpa, a dire il vero, è uno dei primi prodotti Zoot non pensati specificamente per il triathlon, ma adatto anche ai podisti "puri".
...che poi gli occhielli sopra il tallone per una calzata rapida, giusto per gradire, ce l'hanno messi ugualmente.



Di "triatletico" mancano invece i lacci elastici, che volendo si possono comunque acquistare a parte.

Infilando la scarpa c'è subito una gradita sopresa: una calzata comodissima, anche sulla punta dei piedi, nonostante la classica forma affusolata tipica delle scarpe da running.
La scarpa, pur avendo un peso decisamente leggero di 240gr, ha un'ottima a m m o r t i z z a z i o n e  sul tallone che agevola notevolmente la rullata ed il drop di 8mm tra tallone e punta potrebbe essere anche un ottimo spunto per chi volesse cominciare ad avvicinarsi gradualmente ad un approccio più "natural" della corsa.

Ho provato la scarpa su strada, sterrato e pista, con ritmi lenti e veloci.
Ammetto, sono stato piacevolmente colpito aldilà di ogni mia aspettativa.
Inizialmente mi sembra un'ottima scarpa che accomunasse stabilità, protezione e leggerezza, ideale per allenamenti, anche di qualità.
Provandola su pista mi ha dato altrettante ottime sensazioni sui ritmi veloci, convincendomi del fatto che sia un ottimo prodotto anche per gare.



La chiusura del cerchio l'ho avuta nella prove generale del combinato pre-Elbaman: 18km di corsa dopo aver pedalato per 100km.
Perfetta.
E da scarpa sconosciuta, con tre prove si è guadagnata il titolo di scarpa "titolare" proprio per l'Elbaman che affronterò tra una settimana.

Infine, la risposta alla domanda che tutti quanti avranno pensato.

SI', la fanno anche di altri colori,oltre al verdone ramarro fluo (anche se a noi triatleti questi colori sparati ci piacciono tanto...)

LA CORSA NEL TRIATHLON CON ALBERTO CASADEI

Triathlon: con Alberto Casadei, impariamo a correre bene dopo aver pedalato

 

Per quanto gli esercizi per curare la tecnica di corsa, sembrino materia da ‘podisti’, è bene tenere presente che una corsa efficace e poco dispendiosa è utilissima (per non dire determinante) anche per un triathleta. Nell’allenamento di un triathleta, infatti, non dovrebbero mai mancare momenti da dedicare all’esecuzione del corretto gesto nella corsa.  Purtroppo, invece, nella maggior parte dei casi, questo non succede e si tende a trascurare aspetti che gli atleti top sanno invece essere estremamente strategici ed imprescindibili.

A spiegarvelo, per noi di Runner’s World e in collaborazione con 2XU, ci ha pensato Alberto Casadei, forte specialista del Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro. Alberto non rinuncia, durante il suo training, a dedicare del tempo prezioso agli esercizi di tecnica di corsa. Come ci spiega in questo video: Correre con le gambe appesantite dalla frazione ciclistica è tutt’altro che semplice. Un buon supporto del piede in rullata nella fase di appoggio, il bacino alto, la corretta posizione del busto, così come anche la giusta oscillazione delle braccia, sono per un triathleta aspetti da non trascurare mai nel training’.

Ecco quindi alcune esercitazioni che Alberto ci propone e che sono già un ottimo inizio per impostare un corretto lavoro sulla tecnica di corsa e per rendere al meglio nell’ultima frazione delle nostre gare.

Una sola raccomandazione ci sentiamo di farvela noi di Runner’s World: da un punto di vista pratico e logistico, è bene inserire le esercitazioni di tecnica nelle sedute di scarico, magari subito dopo un fondo lento, ma mai in prossimità delle gare. La desuetudine a questo tipo di stimoli potrebbe facilmente darvi un pochino di risentimenti muscolari, che ovviamente in gara è meglio non avere

 

RULLI TACX : NUOVO HOMETRAINER TACX IRONMAN

Sono in arrivo da MOTUS i nuovi rulli da allenamento indoor della ditta finlandese TAXC. La gamma di hometrainer TAXC si arricchisce di nuovi modelli come il BUSHIDO SMART, il SATORI SMART e il VORTEX SMART. Nella gamma 2015 si inserisce anche il modello TACX IRONMAN, pensato e dedicato proprio agli amanti del riathlon, nato dalla partnership tra TACX ed il famoso marchio IRONMAN, titolare del prestigioso ed omonimo cisrcuito internazionale  di gare long distance . il rullo TACX IRONMAN è dotato del software TACX TRAINER 4 ADVANCED. Il freno motore wireless permette di sviluppare una resisteza massima di 1400 watt, simulando salite realistiche fino al 20% di pendenza. E' possibile anche simulare la discesa . Il rullo viene fornito con una borraccia IRONMAN HAWAII ed il filmato Taxc del percorso i bici del campionato del mondo IRONMAN delle Hawaii. Sono disponibili in vendita anche i DVD che simulano i percorsi di molte gare del circuito IRONMAN : 70.3 Lanzarote, 70.3 Mallorca, Ironman Nice, Ironman Lanzarote, etc etc.  Puoi acquistare i rulli homerainer Tacx, i DVD per i trainer virtuali , le parti di ricambio e gli accessori direttamente online : clicca quii
 

OFFERTA BODY TRIATHLON X-BIONIC : POLSINI IN OMAGGIO

Promozione speciale MOTUS : con 'acquisto di un body triathlon x-bionic ( X-BIONIC EFFEKTOR TRIATHLON POWER SUIT) ricevi in omaggio i polsini X-BIONIC WALLABY. . Il wallaby è il modello a cui ci siamo ispirati. Questo animale infatti si lecca spesso gli avambracci, in modo tale da creare un effetto rinfrescante con l’evaporazione della saliva. Così si rinfresca il sangue e, di conseguenza, l’intero organismo. Durante i tuoi allenamenti nella stagione estiva, i polsini wallaby ti torneranno utilissimi per detergere il tuo sudore.
Indossa un body triathlon X-Bionic se non lo hai mai fatto prima !! Questo body sfrutta la superficie della pelle per la X-BIONIC® Partial Kompression, in grado di aumentare le prestazioni. Il sistema 3D-BionicSphere® protegge in maniera ottimale dal surriscaldamento grazie alle strutture tridimensionali aperte. Un contatto ottimale con la sella è garantito dall‘innovativo fondello con rivestimento interno traspirante e ammortizzante, che rimane stabile anche in caso di sollecitazioni estreme, proteggendo il sensibile osso pubico. Al tempo stesso, la forma ergonomica affusolata garantisce libertà di movimento sia in bici sia durante la corsa. Le zone chiuse sulla parte anteriore dell‘Effektor™ Triathlon Power Suit Short proteggono dal raffreddamento dovuto al vento della corsa. I pantaloni, studiati appositamente per temperature medio-alte, sono dotati della pionieristica X-BIONIC® Partial Kompression, che sfrutta i vantaggi della compressione senza trascurare la climatizzazione. In questo modo si ottimizza l‘irrorazione sanguigna delle gambe, evitando di affaticare il sistema cardiocircolatorio.
Per dettagli ed acquisti clicca qui
 
 

COMPRESSPORT : EDIZIONE LIMITATA ULTRA TRAIL MONT BLANC

Da MOTUS è arrivata la nuova collezione di abbigliamento ed accessori Trail Running che Compressport ha realizzato in edizione limitata per l' ULTRA TRAIL DU MONT BLANC 2014. Si tratta di capi di abbigliamento appositamente progettati per il trail running, con grafiche e colorazioni dedicate. Short aderenti, maglie a compressione, i famosissimi ed apprezati gambali a compressione R2, i calzini Proracing Socks. Non mancano neppure nella edizione limitata UTMB di Compressport accessori come i polsini wirstband, la visiera e perfino la borraccia. Puoi vedere ed acquistare l'abbigliamento e gli accessori Compressport Ultra Trail Mont Blanc Limited edition nel nostro punto vendita MOTUS di Arezzo, oppure sul nostro shop online www.motusport.it (cliccando qui)
 

ZOOT ALI'I : EDIZIONE LIMITATA PER KONA 2014

Su www.motusport.it è disponibile la nuova collezione ZOOT ALI'I 14, realizzata dal famoso brand triathlon USA in occasione della prossima edizione del Triathlon Ironman World Champion a Kona. Completi spezzati triathlon (short + top) , completi da cislismo (salopette + maglia) e  scarpe running i versioni sia uomo si adonna. Capi realizzati con la solità rinomata qualità che contraddistingue il marchio ZOOT, con colrazioni veramente accattivanti . Per acquisti e per dettagli sulla collezione ZOOT ALI'I 2014
clicca qui

COSTUMI DA GARA ARENA POWERSKIN : LA MANUTENZIONE

Al fine di assicurare una lunga durata e una resa ottimale del costume Arena, si consiglia di attenersi alle seguenti precauzioni
- risciacquare immediatamente dopo l'uso con acqua non clorata;
- non riporre il costume da bagno ancora umido per periodi prolungati in sacchetti o altri contenitori chiusi;
- non lasciare il costume da bagno ancora umido sotto i raggi diretti del sole all'interno di sacchetti o altri contenitori chiusi;
- lavare con detergenti per capi delicati;
- lasciare asciugare naturalmente, lontano da fonti di calore.

Seguire le indicazioni di lavaggio riportate sull'etichetta del prodotto.
L'etichetta riporta i simboli di manutenzione molto utili per la cura del capo acquistato.

Lavaggio - Lavare unicamente a mano
Lavaggio a secco - Non lavare a secco
Candeggio - Non candeggiare
Asciugatura - Non asciugare a mezzo di asciugabiancheria
Stiratura - Non stirare
 
I costumi da gara Arena Powerskin carbon-pro , powerskin carbon-flex, powerskin xp, powerskin st, powerskin r-evo+ li puoi acquistare online su www.motusport.it, cliccando qui

PROMOZIONE SCARPE DA CICLISMO LAKE

Grande promozione di MOTUS sulle scarpe da ciclismo LAKE. Sconto del 25% per acquisti effettati nel mese di giugno su modelli Lake da strada e da MTB. Puoi acquistare ad un prezzo molto vantaggioso scarpe di grande qualità come i modelli Lake CX402, Lake CX401, Lake MX217 e Lake Marathon MX331  L'offerta è valida salvo disponibilità della scarpa (modello e taglia). Per maggiori dettagli sull'offerta clicca qui

REGOLAZIONE BASTONCINI LEKI DA TREKKING, NORDIC WALKING E TRAIL RUNNING

Regolazione Bastoncini LEKI da Trekking, Nordic Walking e Trail Running. Prezzo vendita online

Sitemi di regolazione dei bastoncini LEKI : Speed lock e Super Lock
Vendita online bastoncini LEKI da trekking, nordic walking e trail running. MOTUS è rivenditore di LEKI, affermata casa produttrice di bastoncini per la partica del trekking, del nordic walking, del trail running. Modelli di casa LEKI apprezzati e diffusi tra i praticanti di queste discipline sono il LEKI Speedstick, il LEKI Micro Vario Carbon, il LEKI Instructor, il LEKI Supreme e tanti altri
Vediamo come sono concepiti i sistemi di regolazione dei bastoncini LEki regolabili.

LEKI Regolazione


L’effetto leva, data dai bastoncini regolabili, serve da ausilio in salita e può garantire la massima tenuta e alleggerimento sulle articolazioni in discesa Bastoncini telescopici da Nordic Walking hanno il vantaggio della regolazione per poter trovare la lunghezza adatta alla propria statura. La lunghezza può variare anche in merito alla abilità e velocità della camminata.
I segmenti devono dare un appoggio sicuro in ogni situazione. Per questa ragione LEKI ha sviluppato il sistema di regolazione interna (espansore) migliore del mondo ed il sistema di regolazione esterna (speedlock a leva) migliore del mondo.
prezzo bastoncini LEKI da trekking, nordic walking e trail running

I migliori sistemi di regolazione di LEKI


Speedlock è il primo – e finora unico – sistema di regolazione esterna al mondo con certificazione TÜV Süd. Le tenute di 55 kg richieste dai requisiti di certificazione TÜV vengono superate abbondantemente. Una riserva di sicurezza che potrebbe salvare la vita ! È sempre possibile regolare ulteriormente la tenuta.
  • Massima tenuta tra tutti i sistemi di regolazione esterna presenti sul mercato, al servizio di una maggiore sicurezza
  • Regolazione e fissaggio molto rapido è possibile anche con guanti spessi e in presenza d‘umidità, ghiaccio e neve.
  • Meccanismo intuitivo e di facile comprensione.

>I punti di forza LEKI

  • ll più forte sistema di regolazione esterna (al mondo) - 100 % più forte con solo 50 % di pressione di chiusura.
  • Regolabile velocemente e semplicemente con ogni temperatura
  • Forza di tenuta regolabile senza utensili.
 
 
 

sistema di regolazione interna
  • Massima sicurezza.
  • Massima tenuta (140 kg garantiti)
  • Insuperabile sicurezza antisblocco (più di 360 °)

I punti di forza LEKI:

  • Il più forte, il più leggero ed il più sicuro sistema di regolazione presente sul mercato (in tutto il mondo)
Puoi acquistare online i bastoncini LEKI da trail running, trekking e nordic walking sul sito di MOTUS cliccando qui
BASTONCINI TREKKING E TRAIL RUNNING LEKI SPEEDSTICK CARBON BASTONCINI DA TRAIL RUNNING E NORDIC WALKING LEKI MICRO MAGIC BASTONCINI TREKKING / TRAIL RUNNING LEKI MICRO VARIO CARBON LADY BASTONCINI DA TREKKING / TRAIL RUNNING LEKI MICRO VARIO CARBON

ZONE3 : UN VIDEO SPIEGA IL MODO CORRETTO DI INDOSSARE UNA MUTA TRIATHLON

Ecco un video di Zone 3 che illustra la modalità corretta per infilarsi una muta triathlon. E' cosa comune e frequente osservare trisathleti che hanno difficoltà ad indoissare una muta : fatica, tanto tempo e rischio di danneggiare la suoperficie esterna del neoprene. Impariamo da questo video qual è il modo migliore per caklzare una muta triathlon con facilità, in sicurezza e in poco tempo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Joomla SEF URLs by Artio
Newsletter Iscriviti per ricevere OFFERTE, SCONTI e NOVITA'!

realizzazione sito web www.sitiwebegrafica.it siti web arezzo SEO | lk | map